Operatori del centro di accoglienza senza stipendio, la Cisl: "Pronto lo stato di agitazione"

Il sindacato: "I lavoratori non hanno ancora percepito i mesi di ottobre, novembre, dicembre e tredicesima e non è più tollerabile pensare che prestino la propria attività in modo gratuito"

Floriana Russo Introito

"Si invita con cortese urgenza la Facility Service Società cooperativa onlus e la Nuovi Orizzonti Cooperativa sociale, a provvedere immediatamente al pagamento delle mensilità arretrate dei lavoratori del Centro di accoglienza di Lampedusa". La comunicazione formale arriva con una nota della segreteria generale della Cisl, firmata da Floriana Russo Introito.

"In particolare - si legge nella nota - avendo i lavoratori ricevuto esclusivamente lo stipendio della settimana di agosto e la mensilità di settembre, non hanno ancora percepito i mesi di ottobre, novembre, dicembre e tredicesima e non è più tollerabile pensare che i lavoratori prestino la propria attività in modo gratuito. Inoltre, gli assegni familiari che spettano ai lavoratori che ne hanno fatto regolare richiesta non sono stati inseriti in busta paga e da controlli effettuati dagli stessi lavoratori, risultano non ancora versati i contributi per i mesi lavorati".

La segreteria del sindacato aggiunge: "Si ravvisa inoltre la necessità di segnalare che il contratto di lavoro di ciascuno deve essere rispettato nei modi e nei tempi così come stipulato e specificatamente l’orario di lavoro non può essere manipolato in difetto secondo le esigenze momentanee".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Infine, viene fatto presente che "la grave situazione in cui versano i lavoratori non consente di lavorare serenamente e se entro cinque giorni a far data dalla presente non si dovesse addivenire alla risoluzione dei problemi segnalati, i lavoratori dichiareranno lo stato di agitazione con le conseguenti situazioni di disagio che si potrebbero verificare per gli ospiti del centro".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 59 nuovi positivi nell'Agrigentino: ci sono anche insegnanti e studenti, è raffica di scuole chiuse

  • Regione, firmata l'ordinanza: centri commerciali e outlet chiusi la domenica pomeriggio e coprifuoco dalle 23

  • Coronavirus: "pioggia" di casi tra Agrigento, Favara, Ribera e Sciacca

  • Cosa fare se si è entrati in contatto con una persona positiva al coronavirus

  • Coronavirus, boom di contagi fra Licata, Sciacca, Porto Empedocle e Raffadali: anche 2 bimbi e una docente

  • Aumentano i contagi da Covid, sospesi i mercatini settimanali: ecco dove

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento