Mercoledì, 29 Settembre 2021
Cronaca Lampedusa e Linosa

Aereo senza carburante, l'Enac: "La titolarità del deposito di carburante è dell'Ast"

Tramite intervento dell’Enac, l’Agenzia delle dogane la mattina successiva ha emesso un provvedimento di deroga che ha consentito al volo di effettuare il rifornimento e di partire

"A causa del sequestro del deposito carburante, disposto dalla Procura di Agrigento, che rende inutilizzabile l’impianto, all’aeroporto di Lampedusa vi sono limitazioni inerenti il servizio di rifornimento carburante. Per darne informazione a tutte le compagnie aeree che operano sullo scalo, è stato diramato un Notam (Notice to airmen - un’informazione aeronautica che tutti i piloti sono tenuti a leggere prima di recarsi in un determinato aeroporto). Nonostante la regolare pubblicazione del Notam, il volo proveniente da Roma Fiumicino delle ore 19:50 del 22 giugno, operato dalla compagnia Vueling è atterrato a Lampedusa senza carburante sufficiente a garantire la ripartenza, in quanto il comandante – non avendo letto le informazioni circa la limitazione al rifornimento – contava di effettuare le operazioni di refueling sullo scalo isolano. Tramite intervento dell’Enac, l’Agenzia delle dogane la mattina successiva, il 23 giugno, ha emesso un provvedimento di deroga che ha consentito al volo di effettuare il rifornimento e di partire alle ore 14:04 per Roma Fiumicino". A fare chiarezza, con una nota ufficiale, è stata proprio l'Enac che ha stigmatizzato la ricostruzione dei fatti rilasciata dal presidente di Ast Gaetano Tafuri in merito ai disservizi causati, lo scorso martedì, dalla compagnia aerea Vueling sull’aeroporto di Lampedusa.

Aereo senza carburante, attesa di 24 ore a Lampedusa per i passeggeri diretti a Roma

"La titolarità del deposito carburante è in capo ad Ast Aeroservizi già dal 2015, con la firma della convenzione per la gestione totale dell'aeroporto e con il passaggio da Enac di tutti i beni immobili e di tutti gli impianti presenti in aeroporto" - è stato spiegato dall'Enac - . 

"L’Enac, a tutela del rispetto dei diritti di passeggeri coinvolti nei disservizio, ha vigilato affinché la compagnia Vueling fornisse ai 52 passeggeri del volo in questione, l’assistenza prevista dal regolamento comunitario numero 261 del 2004: sistemazione in albergo, trasferimenti, pasti, riprotezione con il volo del giorno successivo, fermo restando il diritto di avanzare al vettore le richieste di compensazione pecuniaria previste dalla normativa europea". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aereo senza carburante, l'Enac: "La titolarità del deposito di carburante è dell'Ast"

AgrigentoNotizie è in caricamento