La "Mare Jonio" resta sotto sequestro ma fa rotta verso Licata

La nave della Ong, grazie ad un permesso della Procura di Agrigento, si sta dirigendo su un altro porto per poter effettuare cambio equipaggio e rifornimento

Il primo approdo della "Mare Jonio" a Lampedusa

La "Mare Jonio" della Ong Mediterranea ha lasciato nel tardo pomeriggio di oggi, grazie a un permesso della Procura di Agrigento, il porto di Lampedusa e si sta dirigendo- secondo quanto riporta l'Adnkronos - verso Licata per poter effettuare cambio equipaggio e rifornimento. La nave è ancora sotto sequestro dopo lo sbarco dei giorni  scorsi. 

Interrogatorio fiume dell'armatore: esaminati documenti ed email

"Fuori dal porto l'incrocio con #SeaWatch3 e il saluto tra gli equipaggi" - scrive Mare Jonio su Twitter. Il provvedimento della Procura della Repubblica di Agrigento è precedente rispetto all'ingresso nelle acque territoriali italiane prima e all'autorizzazione all'ancoraggio dopo, a poco meno di un miglio dal porto di Lampedusa, della "Sea Watch 3".  

L'inchiesta sulla "Mare Jonio": ecco tutti i dettagli 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autovelox alla rotonda degli scrittori: raffica di multe, il telelaser incastra invece i più audaci

  • Neonato muore dopo 2 giorni dalla nascita, Procura apre un'inchiesta

  • Le rubano i documenti e non riesce a partire, l’appello di una madre: "Mia figlia è bloccata a Valencia"

  • Beve detersivo e finisce in ospedale: trasferito a Catania, 73enne lotta fra la vita e la morte

  • Trovati i "pizzini" e il "libro mastro": i due fratelli applicavano tassi usurai che arrivavano al 120%

  • Maxi truffa all'Inail, sequestro da 130mila euro nei confronto di un oleificio

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento