La "Mare Jonio" resta sotto sequestro ma fa rotta verso Licata

La nave della Ong, grazie ad un permesso della Procura di Agrigento, si sta dirigendo su un altro porto per poter effettuare cambio equipaggio e rifornimento

Il primo approdo della "Mare Jonio" a Lampedusa

La "Mare Jonio" della Ong Mediterranea ha lasciato nel tardo pomeriggio di oggi, grazie a un permesso della Procura di Agrigento, il porto di Lampedusa e si sta dirigendo- secondo quanto riporta l'Adnkronos - verso Licata per poter effettuare cambio equipaggio e rifornimento. La nave è ancora sotto sequestro dopo lo sbarco dei giorni  scorsi. 

Interrogatorio fiume dell'armatore: esaminati documenti ed email

"Fuori dal porto l'incrocio con #SeaWatch3 e il saluto tra gli equipaggi" - scrive Mare Jonio su Twitter. Il provvedimento della Procura della Repubblica di Agrigento è precedente rispetto all'ingresso nelle acque territoriali italiane prima e all'autorizzazione all'ancoraggio dopo, a poco meno di un miglio dal porto di Lampedusa, della "Sea Watch 3".  

L'inchiesta sulla "Mare Jonio": ecco tutti i dettagli 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Caso di meningite in un supermercato? Una "bufala" che sta terrorizzando

  • "Non so dove trovare i soldi presi ai clienti": 40enne minaccia il suicidio, salvato in extremis

  • Torna a casa e trova un ladro che sta rubando in camera da letto: arrestato un 42enne

  • "Cosa nostra" in Canada, il nuovo padrino è Leonardo Rizzuto

  • Mancata convalida dell'arresto di Carola Rackete, la Cassazione respinge il ricorso della Procura

  • "Proteggere i resti del tempio di Zeus alla base del porto", l'allarme corre sui social

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento