Raffadali, la Giunta approva l'ampliamento del cimitero

A breve, come ha confermato il dirigente dell'ufficio tecnico comunale, l'architetto Isidoro Curaba, si potrò procedere all'indizione della gara d'appalto, che sarà gestita direttamente dall'Urega

Dopo la validazione del progetto esecutivo da parte del Rup, avvenuta due settimane addietro, anche l'amministrazione comunale, guidata ancora per pochi giorni dal sindaco Silvio Cuffaro, ha provveduto sollecitamente ad approvare il progetto definitivo di ampliamento del cimitero comunale. Si conclude così l'iter procedurale del progetto, rimasto fermo per diversi mesi. A breve, come ha confermato il dirigente dell'ufficio tecnico comunale, l'architetto Isidoro Curaba, si potrò procedere all'indizione della gara d'appalto, che sarà gestita direttamente dall'Urega, per l'avviamento e l'esecuzione dei lavori. Soddisfatto anche il sindaco Silvio Cuffaro che prima di concludere il suo mandato ci teneva tantissimo a "chiudere" la vicenda cimitero, che era uno dei suoi punti fondamentali, inseriti nel programma politico.

"Nonostante i vari intoppi, nessuno dei quali dipendenti dalla mia volontà - ci ha detto Cuffaro - sono riuscito a portare a compimento l'iter del progetto, visto che tra pochi mesi si potrà dare il via all'inizio dei lavori. Un progetto di oltre un milione e cento mila euro - ha ricordato il sindaco - che darà risposte a tutti quei cittadini che da tempo aspirano a costruirsi una cappella gentilizia all'interno del nostro cimitero. Ci tenevo molto a questo risultato ed infatti dopo pochi giorni approvazione del Rup ho convocato espressamente la giunta per varare questa importante delibera che rappresenta uno dei miei ultimi servizi resi alla mia comunità di cui mi onoro di essere stato alla guida per cinque indimenticabili anni".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autovelox alla rotonda degli scrittori: raffica di multe, il telelaser incastra invece i più audaci

  • Incidente fra auto e moto, 3 feriti: uno è grave e l'altro era senza patente

  • Trovati i "pizzini" e il "libro mastro": i due fratelli applicavano tassi usurai che arrivavano al 120%

  • "Hanno incassato 80 mila euro su un prestito di 25, ma ancora volevano soldi": fermati due fratelli

  • Maxi truffa all'Inail, sequestro da 130mila euro nei confronto di un oleificio

  • Alberi e detriti per strada, il sindaco: "Non uscite da casa se non necessario"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento