menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Ordine architetti:  La denuncia: "Occorrono interventi per arginare la crisi"

Ordine architetti: La denuncia: "Occorrono interventi per arginare la crisi"

Ordine architetti: La denuncia: "Occorrono interventi per arginare la crisi"

La Mendola e Fiaccabrino denunciano un abbattimento del fatturato del 37 percento

Uno degli elementi fondamentali del programma del Governo Monti è la liberalizzazione delle professioni.

"Gli architetti - afferma il vicepresidente nazionale della categoria Rino La Mendola - sono pronti al confronto sulle riforme, senza pregiudizi nei confronti della liberalizzazione, purché, unitamente ai diritti sovrani dei cittadini consumatori, vengano salvaguardate anche la dignità dei cittadini professionisti e la qualità delle prestazioni  professionali. Sappiamo bene - continua La Mendola - che  l'eliminazione delle tariffe professionali, da un lato, non incide proprio nulla sulla crescita economica del Paese, mentre dall'altro, mortifica la dignità dei professionisti e soprattutto espone i consumatori a truffe come quelle che già circolano sul web, dove si offrono prestazioni professionali complesse per 50 euro. Per non parlare di casi paradossali come quello recentemente determinato dal Comune di Manziana (Roma), che ha pubblicato un bando alla ricerca di 'prestazioni professionali gratuite' per la verifica della progettazione esecutiva dei lavori di consolidamento statico di un plesso scolastico, in barba alla qualità delle prestazioni professionali richieste ed alla sicurezza degli alunni".

"Anche in Provincia di Agrigento
- afferma il presidente dell'Ordine provinciale Piero Fiaccabrino - sono stati affidati incarichi  professionali con  ribassi degli onorari sino all'80 percento. Ciò ha procurato, negli ultimi cinque anni, un abbattimento del fatturato degli architetti agrigentini del 37 percento; percentuale che tende ad aumentare in modo allarmante".

"Il Consiglio nazionale degli architetti - conclude La Mendola - manifesta la più ampia disponibilità a collaborare con il  Governo affinché vengano individuate con ragionevolezza e senza pregiudizi le soluzioni  migliori per rilanciare le professioni quali preziose risorse per il rilancio  culturale ed economico del Paese".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento