menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'incendio dello stabilimento balneare, le telecamere hanno ripreso qualcosa?

Tutto è andato distrutto, ma la struttura era dotata di un impianto di video sorveglianza. Il sindaco: "Tutti i sacrifici e i risparmi dell'emigrato rientrato a Porto Empedocle sono stati azzerati"

Vigili del fuoco e agenti della polizia di Stato quando, nella notte fra martedì e ieri, sono giunti sull’arenile, nel punto esatto dove erano divampate le fiamme che hanno incenerito lo stabilimento balneare “Latino Beach – lido Oasi”, sulla spiaggia di Marinella a Porto Empedocle, oltre a sentire un forte odore di carburante hanno appurato che sulla passerella c’era del liquido infiammabile.

Il fuoco distrugge lo stabilimento balneare, nessun dubbio: incendio doloso

I sacrifici e la spesa economica sostenuta dal proprietario – che aveva avviato quest’anno l’attività – sono andati letteralmente in fumo. Dello stabilimento balneare non è rimasto nulla, se non cenere e detriti inutilizzabili. 

“Condanno fortemente quanto è accaduto a Marinella e auspico che la polizia e la magistratura facciano rapidamente chiarezza – ha detto, ieri, il sindaco di Porto Empedocle Ida Carmina - . Si tratta di un uomo (il proprietario dello stabilimento ndr.) che, dopo essere stato per tanto tempo emigrato, era tornato a Porto Empedocle e aveva investito i suoi risparmi. Era molto contento di essere tornato nella sua terra, aveva creato un bel locale, e oggi (ieri ndr.) ogni sua prospettiva è stata cancellata”.

IL VIDEO. Devastato dalle fiamme il lido sulla spiaggia di Marinella: ecco quello che resta

Fino al tardo pomeriggio di ieri sono rimasti al lavoro i poliziotti del commissariato “Frontiera” e gli agenti della Scientifica. Fitto è, inevitabilmente, il riserbo investigativo. Nello stabilimento balneare c’era un impianto di video sorveglianza. Tutto è però, di fatto, andato distrutto. Anche su questo, sul recupero di eventuali frame, ieri, i poliziotti erano al lavoro. “Abbiamo bisogno del ministero dell’Interno, con le norme attuali, con la Quota 100, il 25 per cento dei vigili urbani andrà in pensione – ha aggiunto il sindaco Ida Carmina che è del Movimento Cinque Stelle - . Una cosa che un territorio complicato come Porto Empedocle non può permettersi. Massima solidarietà all’imprenditore danneggiato, noi siamo a disposizione – ha concluso Carmina - . Confido nella magistratura e nel procuratore capo Luigi Patronaggio che è un punto di riferimento per l’intera provincia”. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Coronavirus: è arrivato lo spray nasale che aiuta a proteggersi

Attualità

Un aiuto per i più deboli: la Brigata “Aosta” dona beni di prima necessità

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento