Cronaca Valle dei Templi

"Art Bonus", la Kolymbethra è seconda per importo delle donazioni

In tre anni, questo genere di incassi sono stati di oltre 155mila euro e sono serviti per finanziare diversi progetti

Secondo bene siciliano per donazioni e uno tra i pochi, nell’Isola, che sono riusciti ad attrarre i capitali dei privati.

La Kolymbethra è “regina” delle donazioni effettuate attraverso il cosiddetto “Art bonus”, la forma di contribuzione prevista dal Governo che consente ai privati e alle imprese di sostenere il patrimonio culturale ottenendo una detrazione fiscale del 65 per cento, da ripartire in 3 quote annue della somma donata. Un modo per incentivare il mecenatismo con un vantaggio quantomeno fiscale che, però, ha trovato terreno ben poco fertile anche nella nostra provincia, dove, a parte il giardino gestito dal Fai, non vi sono altre realtà che si siano fatte avanti alla ricerca di donazioni.

Due, ad oggi, i progetti per cui si poteva contribuire: uno già realizzato, dal valore di 15mila euro, che ha permesso di rendere fruibile l’ipogeo della Kolymbethra, che si estende dal giardino fino a Porta V per una lunghezza complessiva di 185 metri. Secondo progetto, di maggior importo, è diciamo più ”generico” ma non meno importante, perché il Fai cercava risorse necessarie per garantire la manutenzione del sito. Necessari ben 52mila euro, cui se ne sono aggiunte oltre 76mila in una fase successiva sempre per la stessa finalità.

In tre anni alla fine gli incassi attraverso l'Art bonus sono stati di oltre 155mila euro a fronte delle 142mila circa richieste.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Art Bonus", la Kolymbethra è seconda per importo delle donazioni

AgrigentoNotizie è in caricamento