Cronaca

Natale e solidarietà, lo Juve club dona 1000 euro all'hospice

Iniziativa di uno dei soci del direttivo in ricordo della madre, la mattinata allietata dal Quartet folk

Alessandro Seminerio riceve una targa dal primario del reparto Geraldo Alongi

Un assegno di 1.000 euro per l'hospice dell'ospedale San Giovanni di Dio di Agrigento. L'iniziativa, per il quarto anno consecutivo, è stata promossa da Alessandro Seminerio, in ricordo della madre Maria Concetta Principato, che trascorse gli ultimi giorni di vita nel reparto per malati terminali. Seminerio è socio e componente del direttivo dello Juventus Club "Pavel Nedved" di Agrigento, presieduto dal referente regionale Salvatore Capraro, che ha promosso e sostenuto l'iniziativa attraverso la raccolta di fondi fra i propri iscritti con l'acquisto solidale di una piantina grassa.

Ieri mattina c'è stata una cerimonia simbolica di consegna dell'assegno, fatta da Alessandro Seminerio al primario del reparto Geraldo Alongi, con la donazione delle piantine grasse ai familiari dei degenti e un momento di animazione con il gruppo musicale "Quartet Folk". La somma raccolta servirà a potenziare gli arredi dell'hospice che rappresenta un'eccellenza della sanità agrigentina. 

Quella di ieri mattina non è stata l'unica iniziativa benefica di cui si sono resi protagonisti i componenti della comunità bianconera che hanno realizzato anche una raccolta di giocattoli e generi alimentari destinati agli indigenti. 

Giovedì sera, inoltre, i soci si sono riuniti per un momento di convivialità, nella tradizionale cena di gala natalizia. Durante la serata, oltre a ricevere gli auguri in video dai propri beniamini del presente e del passato come Giorgio Chiellini, Claudio Marchisio, Miralem Pjanic e Daniele Rugani, è stato presentato il video degli auguri realizzato per il Natale 2019 dai soci con la collaborazione del fotografo Renato Rosati.

La serata è continuata con la premiazione dei soci dell'anno Angelo Avanzato ed Enza Giambrone e con la consueta estrazione del premio più ambito: la maglia “Ronaldo 700” autografata dall'asso portoghese. A conclusione mazzi di fiori per le donne e preziosi gadget omaggiati da Tommy Agosta, il tassista famoso anche all'estero per il taxi autografato da tutti i big della Juve che accompagna negli spostamenti cittadini e gli donano magliette e altro materiale con cui ha confezionato un vero e proprio "museo" tanto da essere uno dei principali donatori dello Juventus museum.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Natale e solidarietà, lo Juve club dona 1000 euro all'hospice

AgrigentoNotizie è in caricamento