menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Istituto Ipia Fermi, cemento depotenziato: la Procura apre un'inchiesta

Nei giorni scorsi è stato notificato dagli uffici della Provincia regionale l'ordine di sgombero. Le motivazioni erano e sono chiare ed esplicite: la scuola è inagibile perchè i suoi pilastri sono stati costruiti con del materiale non adatto

Il "caos Ipia Fermi" non accenna a fermarsi. Mese intenso per studenti e addetti ai lavori di uno degli istituti più popolati dell'agrigentino.
 
Nei giorni scorsi è stato notificato dagli uffici della Provincia regionale l'ordine di sgombero. Le motivazioni erano e sono chiare ed esplicite: la scuola è inagibile perchè i suoi pilastri sono stati costruiti con cemento depotenziato.
 
Un esame, quello svolto dalla Provincia, che ha dato un responso forte e incontrastabile, tanto da indurre la Procura della Repubblica di Agrigento ad aprire un'inchiesta, per accertare eventuali responsabilità penali sulla realizzazione dell'istituto professionale "Ipia Fermi".
 
Un fascicolo è stato già aperto dai magistrati, contenente l'accusa di aver usato il cemento depotenziato. Con l'inizio delle scuole ormai alle porte, gli alunni potrebbero svolgere le lezioni a turni nei vari istituti, come il "Leonardo Sciascia", il "Nicolò Gallo" e il "Filippo Brunelleschi", tutti in contrada Calcarelle. Più di mille e duecento, tra alunni e addetti ai lavori, che ad oggi vorrebbero conoscere il proprio destino.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

"Belt and Road Exibition 2021”, Agrigento presente alla fiera on line

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento