Lunedì, 15 Luglio 2024
Durante tutta l'estate

Ispezioni su stabilimenti balneari, ristoranti e farmacie, il Nas traccia il bilancio: riscontrate tante irregolarità

Sequestrati prodotti ittici e carne risultati essere non tracciabile, occhio attento dei carabinieri su Lampedusa

Ispezionati decine di stabilimenti balneari, agriturismi, esercizi di ristorazione, comunità alloggio per anziani, farmacie, laboratori di analisi e presidi sanitari di continuità assistenziale turistica, riscontrando 12 violazioni penali e 29 infrazioni amministrative per complessivi 22.000 euro circa, segnalando 29 persone alle competenti autorità amministrative e sanitarie. Sequestrati prodotti alimentari per circa 210 chilogrammi per un valore complessivo di circa 6100 euro e chiuse 5 strutture, fra cui uno studio di estetista senza autorizzazione. Maggiore attenzione è stata data al settore sanitario, controllando numerose farmacie e rilevando infrazioni in 3 di queste, nonché sottoponendo ad ispezione 17 presidi sanitari di continuità assistenziale turistico (le cosiddette “guardie mediche turistiche”), compresi quelli attive sulle isole di Pantelleria e Lampedusa, riscontrando alcune irregolarità in 2 di queste.

A tracciare il bilancio, della seconda parte dei controlli estivi, avviata dalla metà di agosto, sono stati i carabinieri del Nas di Palermo che hanno competenza territoriale anche su Agrigento e provincia.

Nel settore della ricettività sono state sanzionate 6 comunità alloggio per anziani mentre, a seguito delle verifiche svolte su 20 villaggi turistici/resort sono state riscontrate violazioni in 8 di questi. Fra le infrazioni più spesso riscontrate si annoverano la violazione degli obblighi derivanti in materia di tracciabilità della provenienza degli alimenti o il deposito di alimenti in cattivo stato di conservazione, il mancato rispetto dei requisiti generali in materia di igiene o delle procedure di autocontrollo, l’assenza o il mancato aggiornamento della registrazione sanitaria, l’ampliamento senza autorizzazione della capacità ricettiva delle strutture per anziani,

A partire dall’inizio di giugno erano state invece ispezionato centinaia di attività di commercio fisso o ambulante, stabilimenti balneari, agriturismo, esercizi di ristorazione, gelaterie ed aziende di produzioni dolciarie, agriturismo, punti di ristoro stradali, traghetti,studi medici, depositi farmaceutici riscontrando 18 sanzioni penali e 73 sanzioni amministrative per complessivi 170.000 euro circa, segnalando 83 persone alle competenti autorità amministrative e sanitarie, nonché posto sotto sequestro prodotti alimentari per circa 13.556 chilogrammi per un valore complessivo di circa 101.000 euro ed hanno altresì proceduto alla chiusura o sequestro di 16 strutture. Sequestrati complessivamente di 889 chili di prodotti ittici e 327 chili di prodotti carnei per mancanza di tracciabilità circa la filiera di provenienza o in cattive condizioni di conservazione, con grave pregiudizio per la salute dei consumatori. Parte dei sequestri sono avvenute nel corso delle visite ispettive nelle Isole di Ustica, Favignana, Lampedusa e Linosa. Numerose anche le infrazioni; - della produzione industriale ed artigianale del gelato nelle province di Palermo, Agrigento e Trapani. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ispezioni su stabilimenti balneari, ristoranti e farmacie, il Nas traccia il bilancio: riscontrate tante irregolarità
AgrigentoNotizie è in caricamento