menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Ispettori del lavoro a processo

Ispettori del lavoro a processo

“Ispettori del lavoro assenteisti”, sarà trascritta l’intercettazione “chiave”

I due imputati si sarebbero scambiati il badge per attestare falsamente le presenze

Il gip Alessandra Vella ordina di trascrivere le intercettazioni fra i due imputati: sarà il perito Giuseppe Rinzivillo ad ascoltare e mettere per iscritto i contenuti delle conversazioni fra i due ispettori del lavoro accusati di essersi scambiati il badge per attestare falsamente le loro presenze all’ufficio.

La richiesta era stata presentata dal pm Alessandra Russo all’udienza precedente e questa mattina il gup ha dato il via libera. Si torna in aula il 4 ottobre per conferire l’incarico al perito.

Gli imputati sono Giacomo Bacino, di Burgio ma residente a Realmonte, 67 anni, e Salvatore Curto, 59 anni, di Racalmuto ma residente ad Agrigento. Il pubblico ministero Carlo Cinque, che ha raccolto un’indagine molto più vasta che comprendeva altri indagati e ipotesi di reato ben più gravi, ha chiesto il loro rinvio a giudizio per violazione della legge sul pubblico impiego. 

L’udienza preliminare per decidere se mandarli a processo o disporre il non doversi procedere, sempre che i difensori (gli avvocati Daniela Posante e Francesco Mangione) non chiederanno giudizi alternativi, è iniziata il 10 maggio. Curto, sostiene il pm, avrebbe usato il badge del collega Bacino per favorirlo attestando al suo posto l’arrivo in ufficio. La differenza con l’ingresso “reale” sarebbe stata di circa un’ora. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La provincia sempre più digitale, rilasciate 100 mila identità Spid

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento