Immigrati, furti e spaccio: dopo la "guerra" il "pilastro" della Polfer va in pensione

Numerosi i riconoscimenti che gli sono stati assegnati: tre medaglie d'oro al servizio, lodi e attestati rilasciati dal ministero dell'Interno per il contrasto alle razzie di cavi di rame e materiale ferroso lungo le ferrovie

Lascia, fisicamente ma non con il cuore, la polizia di Stato. L'ispettore superiore Angelo Messina, responsabile del posto Polfer di Agrigento, da ieri, è ufficialmente in pensione. Stamani, tutti i suoi colleghi lo hanno, calorosamente, salutato.

Angelo Messina è entrato in polizia nel 1982 ed ha prestato servizio prima ad Agrigento: al Tai, ossia al Trattamento automatizzato informazioni. Ha ricoperto diversi incarichi in Questura, anche sul fronte dell'immigrazione clandestina. Nel 2014 è stato assegnato al comando di polizia ferroviaria dove è stato sempre impegnato per garantire un sereno afflusso di viaggiatori e turisti. Soprattutto nel periodo in cui Agrigento è stata luogo di approdo e di partenza dei migranti. Numerosi i riconoscimenti che gli sono stati assegnati: tre medaglie d'oro al servizio, lodi e attestati rilasciati dal ministero dell'Interno per il contrasto ai furti di cavi di rame e materiale ferroso lungo le ferrovie dell'Agrigentino. 

Rilevante è, poi, stato il contributo dell'ispettore Messina alla fondazione Fs Italiane per l'assistenza nei viaggi, a bordo di treni storici. Nei 4 anni trascorsi al comando della polizia Ferroviaria di Agrigento significativi sono stati i risultati raggiunti: 2.730 pattuglie impiegate in stazione, 825 quelle a bordo dei treni, 393 sulle linee ferroviarie. Sono stati scortati 1.560 treni e identificate 12.410 persone di cui 2.793 stranieri. Intensa l'attività di controllo per la prevenzione e repressione dello spaccio di stupefacenti che è stata effettuata, con l'ausilio delle unità cinofile della Guardia di finanza, sui treni in arrivo e in partenza dalla stazione centrale di Agrigento. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'ispettore, stamani, ha ricordato l'importanza esperienza umana e professionale maturata, l'impegno e la passione profusi nel lavoro e anche le sincere amicizie costruite. Da oggi, l'ispettore superiore Angelo Messina cambia vita. Ma si ritiene fortemente soddisfatto per essere stato al servizio della collettività e della legalità e per tutto quello che ha ricevuto in cambio dalla grande "famiglia" della polizia di Stato. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Villaseta: giovane si toglie la vita, avviate le indagini

  • Coronavirus, è di nuovo raffica di positivi a Ravanusa, Palma, Canicattì, Licata, Sciacca, Cianciana e Porto Empedocle

  • Non si fermano i contagi a Sambuca, altri nove positivi: tra questi anche un impiegato

  • Amministrative, Franco Miccichè il nuovo sindaco: vittoria a valanga su Firetto

  • Coronavirus: 17 positivi in provincia, ci sono pure 6 alunni e 2 insegnanti

  • Studenti positivi al Covid 19, Miccichè chiude il "Politi" e Di Ventura il "Verga"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento