Covid-19, famiglia in autoisolamento: "Non è facile, ma va fatto per senso di responsabilità"

A raccontare sui social la situazione vissuta da una coppia agrigentina è la figlia: "Bisogna superare l'egoismo di ognuno"

Come si vive in autoisolamento, e come vivono in questo momento quelle famiglie che sono costrette a vivere divise in attesa che gli accertamenti medici scongiurino la tanto temuta diagnosi di "Covid-19"? In pochi, probabimente, se lo sono chiesti, in un momento storico in cui ciò che più importa a tutti è che chi è a rischio sia messo in condizione di non nuocere. 

Coronavirus, c'è il primo caso in provincia: positivo un medico di Sciacca

Un racconto diretto, senza veli, lo fa un'agrigentina sui social, la quale dalle pagine del proprio profilo Facebook spiega che i suoi genitori sono partiti per Bergamo nel periodo natalizio per lavoro. "Quand'è iniziato a diffondersi in Lombardia il coronavirus - spiega - si sono chiusi in casa. Un bilocale pagato il doppio del suo valore (e della bella casa in cui vivo io), perso tra le montagne, con i riscaldamenti accesi tutto il giorno e tutta la notte. Per due settimane, la bottega di fronte casa ha portato loro il cibo e i beni di prima necessità.
Li ho pregati di tornare in Sicilia - dice ancora la giovane -, ma  non volevano. Mio padre non voleva lasciare il suo lavoro e mia madre era preoccupata di poter veicolare il virus, pur non presentando alcun sintomo".

Musumeci in isolamento volontario dopo aver incontrato Zingaretti: "Atto dovuto"

Una situazione già difficile, che li ha poi portati a scegliere di tornare in Sicilia, non prima però di aver avvisato tutti gli organi di competenza, con grande senso di responsabilità e nel pieno rispetto delle attuali direttive in materia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'appello della Prefettura: "Chiunque rientri dalle zone rosse si autodenunci"

Adesso si trovano in autoisolamento da otto giorni presso la propria abitazione in un comune dell'Agrigentino, così come altre decine di persone in provincia. "Sono a soli dieci chilometri da me, e non possono vedere me e neppure mio figlio - racconta ancora -, la nostra vicina fa la spesa anche per loro e le mie cugine si sono occupate di sbrigare alcune commissioni improrogabili. Credete che sia facile? No. Ma lo si fa, lo si deve fare perché il senso di appartenenza a una comunità, oggi, deve superare l'egoismo di ognuno. Capisco che la voglia di ripercorrere le proprie strade, abbracciare amici e familiari è forte ma, come avete resistito per qualche mese, potete continuare per un paio di settimane".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Vendesi villa da sogno", casa Modugno a Lampedusa potrà essere acquistata

  • I contagi da Covid-19 continuano ad aumentare, firmata l'ordinanza: ecco tutti i nuovi divieti

  • A 214 km orari sulla statale 640, raffica di multe per l'elevata velocità e per uso del cellulare

  • Coronavirus, 7 nuovi casi: 3 ad Aragona, 2 a Sciacca, 1 ad Agrigento e a Palma

  • Coronavirus, boom di contagi ad Aragona e tamponi positivi anche a Licata

  • Emergenza Covid-19: diagnosticati 7 nuovi contagi ad Aragona che è a 16 casi: positivi anche ad Agrigento e Sciacca

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento