Cronaca

"L'Ipia Fermi intralcia il lavoro alla zona industriale": Raffo incontra i sindacati per ridare centralità alle imprese

Il commissario straordinario del Libero Consorzio ha assicurato un rapido intervento per ripristinare la sede naturale della scuola liberando così preziosi spazi nella zona. I sindacati: "Appelli inascoltati da 7 anni"

Scuola intralcia il lavoro alla zona industriale? Incontro tra Raffo e i sindacati

Si è parlato della presenza dell’istituto scolastico “Fermi” alla zona industriale che intralcerebbe lo sviluppo dell’area nell’ultimo incontro tra il commissario straordinario del Libero Consorzio Vincenzo Raffo e la rappresentanza sindacale unitaria composta da Alfonso Buscemi per la CGIL, Emmanuele Piraino della CISL e Gero Acquisto della UIL.

Un problema che, a detta dei sindacalisti, non si riesce a risolvere da ormai 7 lunghi anni. 

“Situazione - dicono - che rischia di pregiudicare le iniziative imprenditoriali che potrebbero realizzarsi nella zona industriale di Agrigento”.

 Per i rappresentanti sindacali, infatti, la presenza di un istituto scolastico "costituisce un freno per la creazione di nuovi posti di lavoro che le aziende possono creare nell'area industriale”. 

È stata insomma chiesta la possibilità di restituire centralità alle imprese per operare, senza ulteriori vincoli, nella zona industriale. Vincoli rappresentati proprio dalla presenza di una scuola di grandi dimensioni. Questa istanza, sempre secondo i sindacati, non sarebbe stata immediatamente recepita della Regione che “non ascolta le ragioni del mondo del lavoro”. 

Il commissario Vincenzo Raffo ha illustrato tutte le iniziative legate al ritorno della didattica all’Ipia “Fermi" nella sede naturale di via Piersanti Mattarella, assicurando il suo impegno a svolgere in maniera più celere l’iter per bandire le gare per ripristinare le strutture scolastiche chiuse dal 2014. 

“Dal mio insediamento - ha detto Raffo - ad oggi mi sono occupato della vicenda Ipia Fermi. Abbiamo avviato con l’assessore regionale Lagalla una fitta interlocuzione per trovare i fondi necessari attraverso il Ministero dell’Istruzione. La Regione ha già completato la progettazione esecutiva per il recupero della struttura, mentre il Libero Consorzio ha affidato l’incarico per la progettazione esecutiva per l’impiantistica dell’Istituto. Abbiamo chiesto al progettista, l’ingegnere Nocera, di procedere con la massima rapidità per completare la progettazione esecutiva. Nei mesi scorsi ho visitato l’Istituto Ipia Fermi incontrando il dirigente scolastico che mi ha chiesto un intervento per potenziare i collegamenti con la città. Per questo ho chiesto al sindaco di Agrigento di potenziare le corse della Tua utilizzando quelle che si fermano all'ospedale di Contrada Consolida. Ho infine inoltrato ieri alla Regione una relazione sulla situazione dell'Istituto chiedendo il reperimento delle somme necessarie a bandire le gare per affidare i lavori di riapertura della scuola”.     

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"L'Ipia Fermi intralcia il lavoro alla zona industriale": Raffo incontra i sindacati per ridare centralità alle imprese

AgrigentoNotizie è in caricamento