Intrusione notturna al museo "Griffo", Sadirs scrive all'assessore Sgarbi

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

In questi giorni si è verificata un intrusione notturna da parte di due malintenzionati al Museo Archeologico di Agrigento “P. Griffo”, e grazie alla prontezza ed all’intervento dei colleghi che erano in servizio, i due hanno desistito. Questo è quanto riporta la cronaca, ma bisogna aggiungere che disservizio del Museo di Agrigento era stata segnalata più volte dai colleghi ai “superiori responsabili” della sicurezza e del personale, ma come sempre il tutto si è risolto in un nulla di fatto. Il diminuire sempre più le unità di personale in servizio di vigilanza durante la notte, espone sempre più a rischio i colleghi, ed anche i reperti che custodiscono. Il personale il più delle volte opera in assenza di sistemi di allarme, antintrusione, telecamere e videosorveglianza obsoleta (vedi museo di Agrigento), tutto ciò aumenta i rischi del personale che opera in tali condizioni.

Questa è la situazione diffusa per tutta la Sicilia di cui nessuno parla, i vari dirigenti che amministrano le strutture Museali e le aree archeologiche riescono solo a diminuire le unità di personale di vigilanza durante la notte per potere aprire durante il giorno, il tutto con la compiacenza di chi da Palermo dirige tutta la “ baracca dei Beni Culturali in Sicilia”. Il sistema è al collasso, il personale oramai ad esaurimento, non è più bastevole per garantire tutti i servizi i fruizione, vigilanza, biglietteria. Ma nonostante tutto questo venga denunciato dalle OO.SS. da anni continua ad essere ignorato. E per questo che scriviamo a Lei Assessore, sollecitando un incontro urgente, nella speranza che un Suo intervento violento, possa sollevare la questione cercando di trovare soluzioni. Altrimenti non possiamo che concordare con Lei, quando chiede di portare le nostre opere fuori dalla Sicilia, almeno saranno più sicure che in casa loro.

Il segretario regionale della Sadirs, Giuseppe Salerno

Il coordinatore regionale per i Beni culturali, Giuseppe Di Paola

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento