Domenica, 16 Maggio 2021
Cronaca

Palma, intimiditi tre vigili urbani: l'Amministrazione non ci sta

Sono state danneggiate le loro auto, e l'Amministrazione non ci sta. Così ha redatto e affisso sui muri della città un manifesto per spiegare, se ce ne fosse bisogno, che il loro lavoro viene svolto per assicurare legalità e garantire i diritti di tutti e di ciascuno. L'Amministrazione, inoltre, "stigmatizza la prassi secondo cui l'ufficio tecnico allega alle notifiche di atti repressivi i verbali e le contestazioni redatti dai vigili stessi"

Intimidazione a tre vigili palmesi: sono state danneggiate le loro auto, e l'Amministrazione non ci sta. Così ha redatto e affisso sui muri della città un manifesto per spiegare, se ce ne fosse bisogno, che il loro lavoro viene svolto per assicurare legalità e garantire i diritti di tutti e di ciascuno. L'Amministrazione, inoltre, "stigmatizza la prassi secondo cui l'ufficio tecnico allega alle notifiche di atti repressivi i verbali e le contestazioni redatti dai vigili stessi".

"Da anni questi lavoratori rappresentano il bersaglio preferito di mascalzoni, eppure dignitosamente stanno lì a ingoiare bocconi amari e l'indomani tornano a lavorare regolarmente, pur sapendo che il sudore di tanti loro giorni di lavoro serve a fronteggiare i danni che ricevono per eseguire il proprio dovere - ha detto il sindaco Pasquale Amato -.

Il vigile contravvenziona solo per rendere la vita migliore ai propri concittadini e in questi momenti tutte le persone per bene dovrebbero prendere posizione.

Ho avuto un incontro con i dirigenti del commissariato di polizia e dei carabinieri. Dopo una approfondita riflessione è stato deciso di pianificare azioni congiunte sul territorio perché i malpensanti si rendano conto che colpire la polizia municipale comporta mobilitazione dello Stato alla stregua delle altre forze dell'ordine, per farla finita con la convinzione diffusa che colpire la polizia municipale è possibile perché facile obiettivo.

Le conclusioni sono state riportate in una apposita nota al prefetto perché si attivi a predisporre la concertazione di attività partecipate e caldeggi  la esigenza di realizzare un sistema di video sorveglianza diffusa per aumentare il controllo sul territorio.

L'Amministrazione ha incontrato poi il corpo della polizia municipale e ha ascoltato, cogliendo segnalazioni, suggerimenti e disagi. Alla fine dell'incontro sono state disposizioni agli uffici comunali per accelerare le procedure per l'espletamento dei concorsi per l'assunzione di sei vigili.

Poi all'ufficio tecnico è stato ribadito di eliminare la pratica che consiste nel notificare gli atti repressivi di abusi accompagnandoli con verbali e constatazioni, pratica che appare finalizzata a "scaricare" sui vigili le responsabilità del controllo e della repressione, sapendo che si tratta invece di competenze dell'ufficio tecnico e i vigili hanno solo la funzione di protezione e come dipendenti esplicano attività di ricognizione.

L'Amministrazione stigmatizza tale pratica condannandola, ritenendolo atto di palese di corruzione nell'espletamento dei compiti del pubblico dipendente. Per un operatore della pubblica amministrazione discolparsi nel fare il proprio dovere non è ammissibile, applicare le leggi e farle rispettare è proprio dovere, se non ci si sente di dover applicare le leggi dello Stato e le regole senza se e senza ma, non resta che decidere di uscirne fuori!

Anche questo è impegno contro la corruzione. Sono stati disposti anche  altri interventi nella regolamentazione del traffico locale per ridurre condizioni di disagio alla circolazione, al fine di contenere l'esposizione dei vigili urbani.

Un manifesto di sensibilizzazione civica è stato approntato dall'Amministrazione.
Noi continueremo a fare il nostro dovere, ora tocca ai cittadini assumere posizione e aiutarci a farli vivere in un contesto migliore
".
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Palma, intimiditi tre vigili urbani: l'Amministrazione non ci sta

AgrigentoNotizie è in caricamento