rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Cronaca

Provinciale 26, a pochi giorni dalla protesta: Panepinto alza la voce

La strada oggi vive in precarie condizioni, il sindaco di Cammarata non ci sta "dove sono finiti i 2 milioni di euro?"

La strada provinciale 26  è una delle principali arterie del traffico utile a collegare i grandi comuni della provincia: San Giovanni Gemini, Cammarata e Santo Stefano Quisquina. La strada ad oggi vive in precarie condizioni. Libero consorzio respinge le accuse di inerzia.  La zona montana è isolata.

LEGGI ANCHE: PANEPINTO: "DOVE SONO FINITI I 2 MILIONI DI EURO?"

Sabato gli abitanti della zona e non solo, hanno scelto di scendere in "piazza". Tutti uniti, a voce alta per una situazione che è stata definita “insostenibile”. L'8 aprire dalle 10, al Bivio Tumurrano il raduno di protesta, a fare da capofila il sindaco Carmelo Panepinto.

LEGGI ANCHE: SABATO TUTTI IN "PIAZZA"

“Non giustifico l’iter burocratico iter burocratico che dura due decenni e ancora  non intravede l’obiettivo”. Queste le parole del sindaco di San Giovanni Gemini, Comune in testa alle manifestazione. Il primo cittadino sarà spalleggiato dai comuni di Mussomeli, Catronovo di Sicilia, Santo Stefano Quisquina, Cammarata, San Giovanni, i partiti politici, le comunità ecclesiali e associazioni. Un coro unito e forte, per provare a sbloccare una situazione ad oggi assurda. Panepinto, giorni fa disse che la “strada è un attentato alla sicurezza degli automobilisti”, parole forti a pochi giorni della grande protesta.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Provinciale 26, a pochi giorni dalla protesta: Panepinto alza la voce

AgrigentoNotizie è in caricamento