rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Cronaca

Interdittiva antimafia alla Girgenti Acque, discussi i ricorsi davanti al Tar

Il tribunale amministrativo regionale è chiamato a pronunciarsi sulla richiesta di sospensiva: lunedì la decisione

Cresce l’attesa. Ieri, davanti al Tar, sono stati discussi i ricorsi della Girgenti Acque sull’interdittiva antimafia firmata dal prefetto Dario Caputo e notificata appunto, lo scorso 19 novembre, alla società che si occupa della gestione del servizio idrico in quasi tutta la provincia. 

Il futuro di Girgenti Acque, sono giorni decisivi 

La decisione del Tar dovrebbe arrivare nella giornata di lunedì. Il tribunale amministrativo regionale è chiamato a pronunciarsi sulla richiesta di sospensiva dell'interdittiva antimafia. Un'eventuale sospensiva -  concessa dal Tar - avrebbe un peso, ovviamente, sul commissariamento. Non dovrebbe invece avere nessuna ricaduta sulla risoluzione del contratto avviata dall'Ati, rispetto alla quale sarà probabilmente la stessa Girgenti Acque a proporre ricorso.

IL VIDEO. Il commissario Dell'Aira: "L'obiettivo è salvare i posti di lavoro"

Girgenti Acque, prescindendo dall'interdittiva antimafia, è comunque in difficoltà finanziarie. L’incertezza lavorativa, poi, non fa più dormire sonni tranquilli ai circa 150 lavoratori della Hydrotecne: la società controllata da Girgenti Acque. Da quando Girgenti Acque è stata raggiunta dall’interdittiva antimafia della Prefettura prima e da quando è stata poi  commissariata, i lavoratori della Hydrotecne vivono nell’ansia e nella preoccupazione.

Temono il licenziamento, impiegati dell'Hydrotecne: "Subito tavolo in Prefettura"

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Interdittiva antimafia alla Girgenti Acque, discussi i ricorsi davanti al Tar

AgrigentoNotizie è in caricamento