menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sciacca, insediata Commissione toponomastica comunale

Si è insediata la Commissione toponomastica comunale, ricostituita lo scorso luglio con determina del sindaco Fabrizio Di Paola con la nomina dei nuovi componenti. L’insediamento è avvenuto ieri pomeriggio nella Sala Giunta

Si è insediata la Commissione toponomastica comunale, ricostituita lo scorso luglio con determina del sindaco Fabrizio Di Paola con la nomina dei nuovi componenti. L’insediamento è avvenuto ieri pomeriggio nella Sala Giunta. A presiedere l’incontro l’assessore Salvatore Monte, delegato dal sindaco.

La commissione, costituita a titolo gratuito, è chiamata a esprimere pareri e a supportare le istituzioni comunali nella scelta dei nomi con cui indicare strade, piazze, scuole o qualsiasi altra istituzione dipendente dal Comune, monumenti o lapidi.

«E’ un utile organismo – dice l’assessore Salvatore Monte –, composto da professionisti, insegnanti, personalità qualificate, saccensi che daranno un valido contributo di idee e di passione nella scelta, importante, di assegnare un nome, un toponimo, a un luogo della città. A tutti ho dato il benvenuto e ho augurato un buon lavoro, ringraziandoli per avere accolto l’invito a far parte della Commissione».

La Commissione toponomastica è presieduta dal sindaco o da un delegato. Vice presidente è il dirigente dei Servizi demografici del Comune Michele Todaro. Tra i componenti il dirigente del Settore Urbanistica del Comune Giuseppe Bivona.

Il sindaco Di Paola, nella sua determina, ha nominato componenti esterni: Giuseppe Platania, Rino Segreto,  Michele Bobbio,  Pippo Cattano, Ignazio Venezia,  Claudia Brunetta. Segretario della commissione è il dipendente dell’Ufficio Toponomastica Vincenzo Tulone.   
 
Tra i criteri contenuti nella determina di Di Paola, la denominazione di nuove vie cittadine con priorità a nomi di personaggi nati a Sciacca o legati alla città da vincoli significativi; la conservazione dei nomi tradizionali, propri di antiche località, che rappresentano momenti di storia, di vita e di costume; la correzione di intitolazioni incongrue o errate con il ripristino delle denominazioni originarie, anche in lingua siciliana. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento