rotate-mobile
Sapori e innovazione / Menfi

L’ingegnere che diventa il “boss degli aceti”: Giacomo torna nella sua Menfi e si reinventa da pensionato

Viene prodotto partendo da vino e frutta locali. I prodotti della sua piccola azienda hanno conquistato i grandi chef internazionali

Si chiama Giacomo Amodeo e ha avuto la brillante idea di passare dall’industria metalmeccanica all’eno-gastronomia. Menfitano di origine, ha lavorato per una vita da ingegnere lontano dalla sua terra. Ora, arrivato alla pensione, non si è “parcheggiato” sul divano per godersi il meritato riposo ma ha deciso di rimettersi in gioco con un’attività totalmente diversa. 

Per prima cosa è tornato a Menfi, poi ha deciso di concentrarsi sulla produzione di aceti dato che nella sua città tutti si sono sempre dedicati al vino.

“Mi sono accorto - ha detto - che dalle mie parti nessuno aveva mai pensato all’aceto. Quindi ho pensato che potevo farlo io”. E così è nato il marchio “Mastri acetai” che ha già conquistato il favore di numerosi chef internazionali e di tanti consumatori che puntano a prodotti di nicchia e di qualità. Gli aceti artigianali di Giacomo Amodeo ora sono una realtà e rappresentano il risultato di un’idea vincente e innovativa.

“In Italia - spiega - tra la produzione industriale su vasta scala del classico aceto di vino e quella dell'aceto balsamico mancava una via di mezzo. Quindi ho pensato ad aceti di vino originati da monovitigni capaci di restituire retrogusti particolari, con fragranze e sentori che offrono al palato uno spunto nuovo e che soprattutto raccontano il mio territorio”.

Oggi il brand di Giacomo Amodeo confeziona 4 varietà principali ottenute da Nero d'Avola, Chardonnay, Grillo e Marsala dolce. Quest’ultimo è quello che ha suscitato, al momento, il maggiore interesse. Gli altri prodotti sono gli aceti “Gran riserva” (invecchiati nelle botti di legno) e quelli derivati dalla frutta come arancia, melograno e fichi d’India. E poi, partendo da limone, origano, rosmarino, peperoncino, capperi, pomodori secchi, aglio e prezzemolo, si arriva ad ulteriori specialità aromatizzate completando così la gamma.

Naturalmente il tutto viene esportato fuori dalla Sicilia incontrando il favore di appassionati e addetti ai lavori sempre alla ricerca di novità per impreziosire piatti e ricette.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L’ingegnere che diventa il “boss degli aceti”: Giacomo torna nella sua Menfi e si reinventa da pensionato

AgrigentoNotizie è in caricamento