rotate-mobile
Martedì, 7 Febbraio 2023
Festività rovinate

Dilaga l’influenza “Australiana”: mezza provincia a letto con febbre alta e dolori, si diffonde più del Covid

I centri più colpiti sono quelli dell’entroterra con tantissime famiglie che, durante vigilia e giorno di Natale, sono state costrette ad annullare pranzi e cene con parenti e amici. Basta che si ammali un componente della famiglia per contagiare rapidamente tutti gli altri

Niente cene e pranzi di Natale per tantissime famiglie dell’Agrigentino, costrette a vivere i primi 3 giorni di festa a letto, alle prese con la cosiddetta “Influenza australiana”. Non una semplice febbre con naso chiuso, mal di gola e classici sintomi di spossatezza: è davvero pesante il più delle volte, con il termometro che arriva a segnare la temperatura corporea anche oltre i 40 gradi. 

C’è ben poco da fare per accelerare la guarigione: bisogna stare a letto e, per quanto possibile, distanti dagli altri componenti della famiglia perché diffondere il contagio è facilissimo. La diffusione di questo virus, al momento, supera il Covid: basta un contatto anche breve per trasmetterlo. Ecco perché intere famiglie sono al momento chiuse in casa e in quarantena forzata. 

La cura è affidata generalmente ai classici farmaci antinfiammatori a base di paracetamolo e ibuprofene.

Nei giorni scorsi il commissario straordinario dell’Asp, Mario Zappia, aveva messo in guardia i cittadini durante il consueto punto settimanale che tracciava l’andamento del Covid in provincia. “L’influenza di quest’anno - ha detto - è particolarmente fastidiosa ed è necessario vaccinare bambini e over 60, soprattutto chi soffre di altre patologie. Ma è anche molto utile continuare ad indossare la mascherina perché ci protegge da tutti i virus, non solo dal Covid. E naturalmente è buona norma areare sempre i locali dove ci si riunisce per i momenti di condivisione durante le feste".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dilaga l’influenza “Australiana”: mezza provincia a letto con febbre alta e dolori, si diffonde più del Covid

AgrigentoNotizie è in caricamento