Lunedì, 22 Luglio 2024

Viaggio nel mondo delle indagini, il vice capo della polizia: "I criminali non usano più i pizzini, ma le piattaforme criptate"

Alla Valle dei Templi è stato presentato il libro "Investigare 5.0". Il prefetto Vittorio Rizzi: "Seguire le scie digitali è molto più complicato che pedinare una persona"

"Il secolo che viviamo è il secolo della rivoluzione copernicana, si è passati dall'era analogica a quella digitale. Quando entrai in polizia, 35 anni fa, non c'erano i cellulari e i pc, oggi esiste il mondo del virtuale, un mondo nel quale si commette il 64% dei crimini. E' diventato tutto molto più complicato, seguire le scie digitali è molto più complicato che seguire fisicamente una persona. Oggi i criminali non usano più i pizzini, ma usano le piattaforme criptate e l'investigazione è diventata una sfida tecnologica molto complessa". Lo ha detto il prefetto Vittorio Rizzi, vice capo della polizia e direttore centrale della polizia criminale che, nella Valle dei Templi di Agrigento, ha presentato il libro "Investigare 5.0, Criminologia e criminalistica - Viaggio nel mondo delle indagini". 

"Investigare 5.0", il vice capo della polizia alla Valle dei Templi

"Il prefetto Rizzi, uno straordinario investigatore che si è occupato delle indagini più importanti degli ultimi 30 anni, tende a promuovere la cultura delle investigazioni - ha detto il questore di Agrigento, Emanuele Ricifari, che è stato il responsabile della scuola di investigazione della polizia di stato, come primo incarico da questore - . Insieme stiamo cercando di formare sia i poliziotti che i cittadini perché troppe se ne sentono. Spesso chi si spaccia per esperto non lo abbiamo mai visto sulla scena del crimine dove entrano solo coloro che hanno titolo e con modalità certificate. I sopralluoghi di polizia scientifica - ha aggiunto Ricifari - hanno un riconoscimento di certificazione di qualità che vanno fatte con procedure molto puntuali".

"Le indagini hanno fatto un salto enorme con l'avvento della tecnologia, delle indagini scientifiche e informatiche, molta dell'attività criminale passa dal web. Questo tipo di indagini sono un orizzonte importante - ha spiegato il procuratore reggente di Agrigento, Salvatore Vella, - . Non va dimenticato che le indagini tradizionali sono sempre la base dell'accertamento dei fatti, quindi la conoscenza del territorio, delle persone, delle dinamiche economiche e criminali e continuano ad essere fondamentali". All'evento - presentato dalla giornalista Claudia Ricifari e moderato dal giornalista Franco Castaldo - hanno preso parte anche il prefetto di Agrigento, Filippo Romano, il segretario nazionale Siap Giuseppe Tiani e il segretario nazionale Anfp Enzo Letizia. 

Video popolari

AgrigentoNotizie è in caricamento