menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Incontro con il questore per la sicurezza a San Leone

Incontro con il questore per la sicurezza a San Leone

Incontro con il questore per la sicurezza a San Leone

Giuseppe Bisogno ha assicurato al comitato di quartiere della frazione balneare maggiori...

In seguito ai recenti fatti di cronaca che hanno visto San Leone teatro di numerosi furti ed alcuni roghi, oltre episodi ancora più gravi sempre avvenuti nella zona sud di Agrigento, è grande la preoccupazione fra i cittadini. Per questo motivo il comitato di quartiere San Leone ha chiesto un incontro con il questore Giuseppe Bisogno che è avvenuto ieri pomeriggio.

"La Polizia - ha assicurato il questore - non sta tralasciando alcuna pista e pertanto sta moltiplicando gli sforzi per individuare i colpevoli dei reati avvenuti".
 
“Desidero ringraziare il questore – dichiara Fabrizio La Gaipa, promotore del Comitato - per l’attenzione che ha dato e che darà a San Leone. In questi giorni ho raccolto le preoccupazioni di molti residenti, spaventati dall’alto numero di reati avvenuti in zona. E’ chiaro che a difendere i cittadini dai criminali debbano essere le forze dell’ordine che certamente continueranno a farlo al meglio, nonostante le risorse insufficienti a loro disposizione. Comunque, adottare alcune precauzioni può essere determinante per allontanare il rischio di diventare vittime dei criminali”.
 
Qui di seguito il vademecum dell’Arma dei Carabinieri:
Ricordate di chiudere il portone d'accesso al palazzo.
Non aprite il portone o il cancello automatico se non sapete chi ha suonato.
Installate dei dispositivi antifurto, collegati possibilmente con i numeri di emergenza.
Non informate nessuno del tipo di apparecchiature di cui vi siete dotati né della disponibilità di eventuali casseforti.
Fatevi installare, ad esempio, una porta blindata con spioncino e serratura di sicurezza.
Aumentate, se possibile, le difese passive e di sicurezza. Anche l'installazione di videocitofoni e/o telecamere a circuito chiuso è un accorgimento utile. Accertatevi che la chiave non sia facilmente duplicabile.
Se avete bisogno della duplicazione di una chiave, provvedete personalmente o incaricate una persona di fiducia.
Evitate di attaccare al portachiavi targhette con nome ed indirizzo che possano, in caso di smarrimento, far individuare immediatamente l'appartamento.
Mettete solo il cognome sia sul citofono sia sulla cassetta della posta per evitare di indicare il numero effettivo di inquilini (il nome identifica l'individuo, il cognome la famiglia).
Se abitate in un piano basso o in una casa indipendente, mettete delle grate alle finestre oppure dei vetri antisfondamento.
Illuminate con particolare attenzione l'ingresso e le zone buie. Se all'esterno c'è un interruttore della luce, proteggetelo con una grata o con una cassetta metallica per impedire che qualcuno possa disattivare la corrente.
Se vivete in una casa isolata, adottate un cane.
Cercate di conoscere i vostri vicini, scambiatevi i numeri di telefono per poterli contattare in caso di prima necessità.
Non mettete al corrente tutte le persone di vostra conoscenza dei vostri spostamenti (soprattutto in caso di assenze prolungate).
Se abitate da soli, non fatelo sapere a chiunque.
In caso di assenza prolungata, avvisate solo le persone di fiducia e concordate con uno di loro che faccia dei controlli periodici.
Nei casi di breve assenza, o se siete soli in casa, lasciate accesa una luce o la radio in modo da mostrare all'esterno che la casa è abitata. In commercio esistono dei dispositivi a timer che possono essere programmati per l'accensione e lo spegnimento a tempi stabiliti.
Sulla segreteria telefonica, registrate il messaggio sempre al plurale. La forma più adeguata non è "siamo assenti", ma "in questo momento non possiamo rispondere". In caso di assenza, adottate il dispositivo per ascoltare la segreteria a distanza.
Non lasciate mai la chiave sotto lo zerbino o in altri posti facilmente intuibili e vicini all'ingresso. Non fate lasciare biglietti di messaggio attaccati alla porta che stanno ad indicare che in casa non c'è nessuno.
Considerate che i primi posti esaminati dai ladri, in caso di furto, sono gli armadi, i cassetti, i vestiti, l'interno dei vasi, i quadri, i letti ed i tappeti.
Se avete degli oggetti di valore, fotografateli e riempite la scheda con i dati considerati utili in caso di furto (il documento dell'opera d'arte).
Conservate con cura le fotocopie dei documenti di identità e gli originali di tutti gli atti importanti (rogiti, contratti, ricevute fiscali, etc.).

Nel caso in cui vi accorgete che la serratura è stata manomessa o che la porta è socchiusa, non entrate in casa e chiamate immediatamente il 112, il 113 o il 117. Comunque, se appena entrati vi rendete conto che la vostra casa è stata violata, non toccate nulla, per non inquinare le prove, e telefonate subito al Pronto intervento.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre lo "Sportello di ascolto solidale": aiuterà anche le famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento