menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Politica e legalità:  Incontro al teatro Pirandello con Russo e Lombardo-8

Politica e legalità: Incontro al teatro Pirandello con Russo e Lombardo-8

Politica e legalità: Incontro al teatro Pirandello con Russo e Lombardo

L'iniziativa è stata promossa dalla nuova associazione giovanile "Noi oggi e domani"

Un incontro-dibattito, quasi un talk show, sebbene molto disciplinato, con tanto di salotto e poltrone quello di stasera al teatro Pirandello di Agrigento. Ospiti il presidente della Regione siciliana, Raffaele Lombardo, l'assessore alla Sanità, Massimo Russo e l'associazione "Teamsud", rappresentata da Angelo Aliquo. L'iniziativa è stata promossa dalla nuova associazione giovanile "Noi oggi e domani" e organizzata da Silvia Cacciatore. Proprio i ragazzi di questa organizzazione hanno parlato, raccontato i vari problemi e i disagi che vivono e che respirano soprattutto nella realtà agrigentina.

Agrigento, ultima in tutte le classifiche e statistiche a carattere nazionale, sotto tutti i profili e gli aspetti, una città che non ha ancora un tratto autostradale, una città piena di giovani destinati ad andare chissà dove per cercare fortuna. Sanità, lavoro, ambiente, gli argomenti emersi durante il dibattito, temi strettamente intrecciati con la legalità, anzi che hanno senso solo se si combinano in un binomio inscindibile con questa.

Un incontro ravvicinato tra società civile e politica dunque, tra associazioni di giovani e uomini politici. Un dialogo volto, se non a trovare immediate risoluzioni ai tanti problemi di questa terra, per lo meno a riconoscerli e a riflettere su questi. Le testimonianze di ragazzi come Riccardo Montana Lampo, 18enne, del liceo classico Empedocle, del giovane ingegnere di Sciacca, Mario Di Giovanni, del dottor La Placa, che ha raccontato un caso di mala sanità e poi le parole dell'ex magistrato, oggi assessore regionale alla Sanità. Russo ha parlato di metodo, che a volte conta più dei risultati. "Le 'quattro R', regole, rigore, risultati e responsabilità", il metodo da lui adottato. Termini che si addicono alla buona politica, ma che ancora non sono entrati a pieno negli ambiti curati dalla politica che ci governa. "In tre anni, in ambito sanitario, abbiamo realizzato cose che altre regioni hanno fatto in dieci anni", afferma Russo nel suo intervento. Parole dunque che danno speranza, soprattutto ai giovani, che oggi più che mai chiedono risposte attraverso i fatti. 

"Il contributo di queste organizzazioni - afferma Lombardo - è importante e significa accogliere la gente nell'impegno politico. La politica o si fa o si delega. Noi per troppo tempo abbiamo delegato, ci siamo affidati ad altri. Dobbiamo autonomamente assumerci questa grande responsabilità, che significa sporcarci le mani, ma che è anche l'unico modo per fare bene le cose".

"Team sud
- continua il presidente della Regione - è un'esperienza importante di uomini e donne della società civile che si ritrovano attorno a una disponibilità all'impegno politico. Oggi non è di moda, anzi c'è una sorta di rigetto per la politica, ma credo che si sia repucerato anche attorno al lavoro di Massimo Russo e di altri assessori, cosiddetti tecnici. Un'esperienza, quella del governo tecnico, che anche il governo nazionale ha inteso riprodurre su più vasta scala e questo ci incoraggia in quanto realtà regionale".

Foto di Calogero Montana Lampo


Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento