menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un momento della conferenza stampa

Un momento della conferenza stampa

"La conquista di Akragas", presentata la due giorni di rievocazione storica

Il 6 e 7 maggio i visitatori potranno rivivere l'atmosfera che si respirava nel terzo secolo avanti Cristo quando la città era contesa tra i romani e i cartaginesi

Giornata di presentazioni a Casa Sanfilippo. Il 6 e 7 maggio, Agrigento sarà il palcoscenico dell'evento: "210 a.c. la conquista di Akragas”. Una due giorni di rievocazione storica in città. 

Alla giornata sono intervenuti: l'assessore del Comune di Agrigento Beniamino Biondi, il direttore del Parco Archeologico e Paesaggistico della Valle dei Templi, Giuseppe Parello, Laura Danile, archeologa e fondatrice dell'Associazione PastActivity, Fabiana Principato, responsabile marketing Di Stefano Dolciaria, Marilisme Lattuca, ideatrice del brand Triskéles Gioielli.

"Sarà un weekend per entrare dentro la storia – dichiara Laura Danile – un’occasione unica per raccontare il passato in modo assolutamente nuovo e di grande impatto. Siamo contenti di aver ricevuto grande adesione da parte delle scuole, Università e gruppi organizzati, che arriveranno da tutta la Sicilia e non solo. Uno dei momenti più intensi sarà sicuramente quello previsto per la domenica pomeriggio, in cui avrà luogo la battaglia tra romani e cartaginesi”.

CLICCA QUI PER IL VIDEO: LA PRIMA RIEVOCAZIONE STORICA IN CITTA'

"La capacità dell’Associazione PastActivity di unire tante istituzioni, associazioni e partner privati in un grande progetto ci da già la misura dell’importanza di questo evento – dichiara l’assessore Beniamino Biondi – . Si tratta di una rievocazione storica che ha un valore scientifico notevole, oltre che essere un’occasione di promozione del territorio e sensibilizzazione verso la migliore conoscenza del nostro territorio. Questa iniziativa si inserisce nell’ambito delle rievocazioni storiche organizzate in varie città italiane e che finalmente arrivano in Sicilia, nella nostra Agrigento, dando visibilità alla nostra storia, che ha un fascino assolutamente unico, quindi è chiaro che il Comune di Agrigento ha subito deciso di patrocinare la manifestazione con grande entusiasmo”.

“E’ un percorso partito qualche anno fa – dichiara Giuseppe Parello - ci abbiamo creduto e abbiamo sostenuto subito questo grande progetto. Un’iniziativa che si sposa perfettamente con la missione del Parco, ovvero sostenere la diffusione della conoscenza del nostro patrimonio culturale attraverso nuovi linguaggi, nuove modalità di comunicazione per cercare raggiungere in modo diverso un pubblico sempre più ampio. La rievocazione storica infatti coniuga la spettacolarità dell’evento con la ricostruzione fedele della vita dell’epoca, spero  vivamente che eventi come questi diventino un modo per far conoscere ancora meglio la storia dei nostri luoghi”.

"Da sempre sosteniamo eventi capaci di raccontare la tradizione del nostro territorio – dichiara Fabiana Principato – . La nostra azienda ha nella sua mission proprio la valorizzazione delle eccellenze culinarie tipiche del nostro territorio, il racconto di una sicilianità che non va persa ma anzi valorizzata. Quindi non potevamo non abbracciare questa splendida iniziativa, così unica e così interessante”.

"Cerchiamo sempre di sostenere le iniziatiche capaci di promuovere la nostra città – dichiara Marilisme Lattuca - il nostro brand nasce proprio come una sorta di rievocazione storica, perché riprende i simboli della tradizione greca e romana, collocandoli in una narrazione fatta di immagini e oggetti preziosi. Quindi siamo felici di partecipare e spero che tante altre aziende abbraccino eventi positivi come questo". 

Il 6 e 7 maggio i visitatori potranno rivivere l'atmosfera che si respirava ad Akragas nel terzo secolo avanti Cristo quando la città era contesa tra i Romani e i Cartaginesi (ingresso consigliato Porta V). Girando tra le tende dell’accampamento sarà possibile assistere alla tessitura a telaio, conoscere gli strumenti della medicina romana, ammirare le perle di pasta vitrea prodotte dai Cartaginesi, scoprire le ricette della cucina romana e osservare le stoviglie che utilizzavano, assistere a scene di allenamento militare e di battaglia e molto altro, per immergersi nella storia e riscoprirne odori, suoni e colori.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La provincia sempre più digitale, rilasciate 100 mila identità Spid

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento