rotate-mobile
Il caso

Il giudice non deposita la sentenza sul caso Chiara La Mendola, il sottosegretario alla Giustizia: "Fatto grave su cui ci saranno verifiche"

La ragazza è morta il 30 dicembre del 2013 a causa di un incidente stradale provocato da una buca per il quale sono stati condannati due dirigenti del Comune in primo grado e in appello: niente motivazioni dopo 2 anni e risarcimento "congelato"

Da due anni la famiglia di Chiara La Mendola, giovane di Agrigento deceduta a seguito di un incidente stradale a dicembre del 2013, attende il deposito delle motivazioni della sentenza che ha visto la condanna di due tecnici comunali che non avrebbero vigilato e segnalato il dissesto stradale. La giovane perse il controllo dello scooter a causa di una buca profonda 12 centimetri, e perse la vita nella caduta.

La famiglia teme il rischio prescrizione per un procedimento che di fatto è bloccato. Dai 90 giorni per il deposito delle motivazioni, sono passati due anni: "Sui tempi del processo ci ha messo mano la riforma Cartabia, ritenevamo che altre dovevano essere le riforme. Prendo atto ora di questo caso, un fatto evidentemente molto grave e che farò verificare dalle strutture ministeriali", ha detto il sottosegretario alla Giustizia, Andrea Delmastro. Sul tema è intervenuto anche il senatore Salvo Sallemi che ha preannunciato una interrogazione al Ministero della Giustizia.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il giudice non deposita la sentenza sul caso Chiara La Mendola, il sottosegretario alla Giustizia: "Fatto grave su cui ci saranno verifiche"

AgrigentoNotizie è in caricamento