menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'auto contro il muro dopo l'impatto, nel riquadro Giuseppe Terrosi

L'auto contro il muro dopo l'impatto, nel riquadro Giuseppe Terrosi

L'incidente mortale di San Leone, la dinamica non convince: Procura dispone autopsia

Il pm ordina gli accertamenti tecnici per fare luce sulla morte del trentaduenne Giuseppe Terrosi, intanto l'automobilista - arrestato per omicidio stradale - comparirà davanti al gip

Qualcosa sembra non convincere nella ricostruzione della dinamica dell'incidente che è costato la vita, nella notte fra venerdì e sabato, al trentaduenne Giuseppe Terrosi. Il pubblico ministero Sara Varazi ha disposto l'autopsia per accertare con precisione le cause del decesso del giovane. L'incarico al medico legale Sergio Cinque, "diretto a chiarire la dinamica dei fatti", sarà conferito domani mattina alle 13,30 ed è probabile che, subito dopo, si procederà all'autopsia.

Intanto, sempre domani mattina, alle 11, nella sala interrogatori del tribunale, dove non si celebreranno altre udienze per via della festa patronale, il gip Luisa Turco interrogherà l'automobilista quarantanovenne Maurizio Modica, arrestato e posto ai domiciliari sabato mattina per l'accusa di omicidio stradale. L'indagato, che ha nominato come difensore l'avvocato Teresa Alba Raguccia, aveva un tasso alcolemico superiore al limite previsto dalla legge. Resta, però, da chiarire la dinamica dell'incidente stradale. Nell'auto, guidata da Modica, che è andata a urtare contro un muro di cinta di via Teatro Tenda, fra il viale Cavaleri Magazzeni e il Villaggio Mosè, c'erano altre due persone rimaste lievemente ferite come Modica.

Terrosi, invece, che si trovava seduto nel sedile posteriore, dietro il posto guida, è morto, sembrerebbe dopo avere battuto la testa. La circostanza che l'abitacolo, in quella parte, sia rimasto intatto e che i danni sul palo e sul muro dove l'auto ha impattato siano assai limitati lasciano alcune perplessità sull'effettiva dinamica dei fatti. Oltre all'indagato pure i familiari di Terrosi, che hanno nominato come difensore di fiducia l'avvocato Daniela Posante, potranno incaricare dei consulenti di parte per partecipare all'autopsia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'accademia delle Belle arti dona quindici quindici quadri al Comune

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Gioca 10 euro e ne vince 2milioni: caccia al fortunato di Cattolica Eraclea

  • Cronaca

    Un agrigentino a "Uomini e donne", Gero Natale debutta su Canale 5

  • Sport

    L'ex "portierone" Daniele Indelicato vola a Dubai: affiancherà Sosa

Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento