Incidente stradale con 5 morti, il giudice nomina un perito

Giovanni Titone è accusato di omicidio colposo e per lui il pubblico ministero ha già chiesto cinque anni di reclusione

Giovanni Titone

Nomina di un perito - da parte del giudice monocratico del tribunale di Palermo Simone Alecci - nel processo a carico di Giovanni Titone, di 33 anni, di Menfi, che il 13 novembre del 2013 era al volante di un’auto che si è scontrata con un’altra vettura e nello scontro sono morte cinque persone. Dopo che il confronto in aula tra i consulenti tecnici della Procura e della difesa ha evidenziato tesi diverse il giudice ha deciso di nominare un perito.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Titone è accusato di omicidio colposo e per lui il pubblico ministero ha già chiesto cinque anni di reclusione. Dal confronto disposto dal giudice tra i consulenti tecnici Lorenzo Caramma della Procura e Damiano Marinello della difesa non sono emersi fatti nuovi nel senso che il secondo attribuisce importanza a una macchia di olio presente sulla sede stradale che ha fatto sbandare l’auto condotta da Titone, mentre per il primo la macchia d’olio si trovava sulla corsia opposta e dunque non ha inciso nell’incidente. Le loro consulenze giungono, dunque, a conclusioni diverse. Così il giudice nella precedente udienza ha deciso di rinviare per la nomina di un perito. Nell’incidente stradale hanno perso la vita il figlio, la moglie e la madre di Titone e due occupanti di un’altra vettura. La Ford Focus di Titone si è scontrata con una Fiat Punto con a bordo due coniugi di Roccamena. Nello scontro morirono il figlio di Titone, Alberto, di 3 anni; la moglie, Maria Mergola, di 25, madre del bambino; Rosa Pilo, di 51, madre di Titone. E poi i due occupanti dell’altra auto, Rosario Lo Re, di 68 anni, e la moglie, Maria Ciaccio, di 71. Sono rimasti feriti lo stesso Giovanni Titone e un altro figlio del menfitano. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 59 nuovi positivi nell'Agrigentino: ci sono anche insegnanti e studenti, è raffica di scuole chiuse

  • Regione, firmata l'ordinanza: centri commerciali e outlet chiusi la domenica pomeriggio e coprifuoco dalle 23

  • Tragedia a Villaseta: giovane si toglie la vita, avviate le indagini

  • Coronavirus: "pioggia" di casi tra Agrigento, Favara, Ribera e Sciacca

  • Amministrative, Franco Miccichè il nuovo sindaco: vittoria a valanga su Firetto

  • Coronavirus: 17 positivi in provincia, ci sono pure 6 alunni e 2 insegnanti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento