Incidente Ss640, conducente dell'auto non era ubriaco: giovedì i funerali di Cristian e Giuseppe

Il risultato delle analisi è negativo: il 21enne di Siculiana era sobrio quando era alla guida dell'Alfa Romeo 147. Eseguita l'ispezione cadaverica, il magistrato ha dissequestrato le salme. I funerali nella chiesa Madonna della Catena a Villaseta

L'Alfa 147 sul luogo dell'incidente

E' negativo il risultato delle analisi alle quali è stato sottoposto A.M., 21 anni, di Siculiana, conducente dell'Alfa Romeo 147 che la notte tra domenica e lunedì si è scontrata con i motorini sui quali viaggiavano, tra gli altri, i 15enni Giuseppe Piparo e Cristian Russo, entrambi morti sul colpo dopo l'impatto. Il giovane era stato sottoposto agli esami clinici già la notte stessa dell'incidente. Le analisi puntavano a scoprire se il giovane avesse assunto sostanze alcoliche o stupefacenti prima di mettersi alla guida.

Intanto sono state dissequestrate e riconsegnate alla famiglia le salme dei due giovani agrigentini, residenti nel quartiere di Villaseta. Stamani Gianfranco Pullara, medico legale incaricato dalla Procura, ha eseguito l'ispezione cadaverica sui due corpi, riscontrando fratture multiple e vari traumi in tutto il corpo. I funerali si terranno giovedì 16 agosto, alle 16.30, nella chiesa Madonna della Catena di Villaseta. Nello stesso giorno per Agrigento sarà lutto cittadino, come disposto dal sindaco Marco Zambuto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autovelox alla rotonda degli scrittori: raffica di multe, il telelaser incastra invece i più audaci

  • Neonato muore dopo 2 giorni dalla nascita, Procura apre un'inchiesta

  • Le rubano i documenti e non riesce a partire, l’appello di una madre: "Mia figlia è bloccata a Valencia"

  • Trovati i "pizzini" e il "libro mastro": i due fratelli applicavano tassi usurai che arrivavano al 120%

  • Beve detersivo e finisce in ospedale: trasferito a Catania, 73enne lotta fra la vita e la morte

  • Maxi truffa all'Inail, sequestro da 130mila euro nei confronto di un oleificio

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento