menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'imputato Giovanni Titone

L'imputato Giovanni Titone

L'incidente sulla Fondovalle con 5 vittime, la difesa: "L'imputato va assolto"

La richiesta è stata fatta dall'avvocato Maurizio Gaudio che difende il trentaquattrenne di Menfi accusato di omicidio colposo. Il Pm ha già chiesto la condanna a 5 anni di reclusione

Giovanni Titone deve essere assolto. Lo ha chiesto - secondo quanto riporta oggi il Giornale di Sicilia - l'avvocato Maurizio Gaudio che difende il trentaquattrenne di Menfi accusato di omicidio colposo. Il giudice monocratico del tribunale di Palermo, Simone Alecci, il 13 dicembre prossimo andrà in camera di consiglio per la decisione. Sarà la terza volta, nelle due precedenti camere di consiglio il magistrato non ha emesso il dispositivo, ma ordinanze disponendo prima un confronto tra i consulenti della difesa e della Procura e poi la nomina di un nuovo perito.

Incidente stradale con 5 morti, il giudice nomina un perito

Giovanni Titone il 13 novembre del 2013 era al volante di un'auto che, lungo la Fondovalle, si è scontrata con un'altra vettura e nello scontro sono morte cinque persone. Titone è accusato di omicidio colposo e il pubblico ministero ha già chiesto 5 anni di reclusione. Nell'incidente hanno perso la vita il figlio, la moglie e la madre di Titone e due occupanti di un'altra vettura. La Ford Focus di Titone si è scontrata con una Fiat Punto con a bordo due coniugi di Roccamena.

Incidente stradale con 5 vittime, chiesti 5 anni di reclusione per l'imputato

Nello scontro morirono il figlio di Titone, Alberto, di 3 anni; la moglie, Maria Mergola, di 25, madre del bambino; Rosa Pilo, di 51, madre di Titone. E poi i due occupanti dell'altra auto, Rosario Lo Re, di 68 anni, e la moglie, Maria Ciaccio, di 71. Per l'avvocato Maurizio Gaudio l'auto di Titone ha sbandato per la presenza di una chiazza d'olio sulla strada e il concorso di colpa evidenziato dal perito non è suffragato da quanto emerso dal processo.

Secondo il perito vero è che sulla strada c'era una chiazza oleosa, ma è anche vero che Titone avrebbe affrontato quella curva a una velocità superiore rispetto a quella consentita. 


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento