Fiamme in una villa a Zingarello: secondo caso in meno di un mese

A lanciare l'allarme sono stati alcuni vicini di casa che hanno consentito così l'intervento tempestivo dei vigili del fuoco. Sulla natura del rogo indagano i carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile e della Stazione di Villaggio Mosè

Fiamme in una villetta di contrada Zingarello: il rogo ha praticamente distrutto la tettoia esterna, fortunatamente senza penetrare nell'abitazione.

Danni, quindi, alla copertura della veranda che in alcuni punti ha ceduto lasciando cadere a terra le tegole che la ricoprivano, e a un paio di infissi che si trovano su due lati perimetrali dell'abitazione: una porta finestra e le persiane di una finestra sul lato contiguo.

Si tratta della residenza estiva di un imprenditore favarese, e per questo disabitata al momento del fatto. A lanciare l'allarme sono stati alcuni vicini di casa che hanno consentito così l'intervento tempestivo dei vigili del fuoco.

Sulla natura del rogo indagano i carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile e della Stazione di Villaggio Mosè: anche se parrebbe privilegiata la matrice dolosa.

Si tratta del secondo episodio in zona: l'ultimo è avvenuto all'inizio del mese scorso ai danni di un farmacista di Favara. In quel caso, però, era stato forzato l'ingresso e il fuoco era stato appiccato all'interno: la Scientifica ha poi riscontrato tracce di liquido infiammabile sul posto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autovelox alla rotonda degli scrittori: raffica di multe, il telelaser incastra invece i più audaci

  • Incidente fra auto e moto, 3 feriti: uno è grave e l'altro era senza patente

  • Trovati i "pizzini" e il "libro mastro": i due fratelli applicavano tassi usurai che arrivavano al 120%

  • "Hanno incassato 80 mila euro su un prestito di 25, ma ancora volevano soldi": fermati due fratelli

  • Maxi truffa all'Inail, sequestro da 130mila euro nei confronto di un oleificio

  • Alberi e detriti per strada, il sindaco: "Non uscite da casa se non necessario"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento