rotate-mobile
Cronaca Licata

Incendio alla villa di Cambiano, richiesta sorveglianza speciale per licatese indagato

Il provvedimento riguarda un 32enne, accusato di aver appiccato il rogo in casa del sindaco

Una richiesta di sorveglianza speciale è stata fatta a carico di uno dei due licatesi indagati per l'incendio nella casa di campagna del sindaco di Licata, Angelo Cambiano.

L'uomo è accusato, in concorso con un altro 30enne, di essersi introdotto nell'abitazione della famiglia del sindaco e di aver appiccato l'incendio in più punti servendosi di stracci, cartone e diavolina.

Ieri mattina, intanto, nel corso degli interrogatori di garanzia, i due indagati hanno fatto scena muta. Gli interrogatori si sono svolti davanti al gip Alessandra Vella che ha disposto il provvedimento cautelare su richiesta dei pubblici ministeri Simona Faga e Alessandra Russo. Sono loro, secondo gli inquirenti e il giudice, gli autori dell'incendio, appiccato lo scorso 8 maggio all'abitazione di Rosario Cambiano, padre del sindaco, da tempo alla ribalta per avere disposto, secondo quanto imposto dalla Procura, la demolizione degli immobili abusivi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incendio alla villa di Cambiano, richiesta sorveglianza speciale per licatese indagato

AgrigentoNotizie è in caricamento