Sparì con i soldi delle Poste, incendiata la saracinesca del garage dell'ex impiegato

I piromani sono tornati a colpire: secondo incendio nel giro di sei giorni. I carabinieri aggiungono questo nuovo fatto alle indagini che stanno già sviluppando

Sei giorni fa qualcuno gli ha incendiato il portone di casa. Nella notte fra domenica e ieri è stato, invece, appiccato un rogo – che non si è però sviluppato particolarmente – alla saracinesca del garage. C’è ancora lui – l’ex impiegato delle Poste, colui che è sospettato d’aver determinato un ammanco di 450 mila euro nell’ufficio postale di via Carlo Alberto dove lavorava – nel “mirino”. E gli ignoti piromani continuano, appunto, a colpire.

Sparì con 450 mila euro dei clienti della Posta, incendiato il portone di casa dell'ex impiegato

Il principio di incendio, sviluppatosi nella notte fra domenica e ieri, in via Belluno a Favara è stato subito tamponato dai vigili del fuoco. Il segnale – inquietante – però rimane. E come la prima volta sembra essere chiaro: si tratta di intimidazioni. Ieri, come sei giorni addietro, hanno avviato le indagini i carabinieri della tenenza cittadina. Militari dell’Arma che non hanno alcun dubbio sul fatto che gli incendi – entrambi – siano di matrice dolosa. Il riserbo investigativo era e rimane – forse anche inevitabilmente – fitto. Non si sa, se e quale, pista investigativa i militari dell’Arma abbiano imboccato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dipendente della Posta sparito con 450 mila euro da sei mesi  

L’ex impiegato dell’ufficio postale “Favara 2”, quell’ufficio dove si è verificato un importantissimo ammanco, ha lasciato Favara dallo scorso febbraio. Pare che i furti sui conti dei clienti avrebbero iniziato ad essere realizzati a partire dal 2012. Sarebbero stati scoperti solo quando, all’ufficio postale, venne messa a segno – era la fine del 2017 – una rapina con un’autovettura utilizzata come “ariete”. 

Rapina con "spaccata" all'ufficio postale, bottino da 110 mila euro 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si erano perse le tracce da una settimana, la favarese Vanessa Licata è stata ritrovata

  • Muore stroncato da un infarto, vano l'arrivo dell'elisoccorso

  • Tenta di bloccare tunisino in fuga da Villa Sikania e viene aggredito: poliziotto finisce in ospedale

  • Lunghe attese al pronto soccorso? Scoppia il tafferuglio, 4 feriti: pure 2 infermieri

  • Movida a rischio, altra rissa tra giovanissimi a San Leone: volano pugni

  • Bottiglia con benzina e fiammiferi davanti al cancello: avvertimento a professionista

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento