menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Incendio su un peschereccio a Porto Empedocle, ma era soltanto un'esercitazione

La simulazione ha riguardato un’emergenza dovuta ad un rogo scoppiato sul motopesca “Emmanuel”, con a bordo cinque componenti dell'equipaggio, fra cui un marittimo ustionato

E' stato simulato un incendio sul motopeschereccio, all'interno del quale era rimasta una persona ferita. Esercitazione antincendio, che è servita a verificare lo stato di efficienza e prontezza operativa del personale, all'interno dell'area portuale Empedoclina. Hanno partecipato: la motovedetta CP 819 della Guardia costiera, il rimorchiatore “Vigata”, un’imbarcazione addetta al servizio di pilotaggio, due automezzi dei vigili del fuoco, un’ambulanza del 118, un automezzo della guardia di finanza e personale del gruppo ormeggiatori. Complessivamente sono state 30, dunque, le persone coinvolte. 

La simulazione ha riguardato un’emergenza dovuta ad un incendio scoppiato sul motopesca “Emmanuel”, con a bordo 5 componenti d’equipaggio, fra cui un marittimo ustionato. Alle 11,23 l’unità, in fase di rientro agli ormeggi al termine della battuta di pesca, ha comunicato alla Capitaneria di porto di aver subito un incendio a bordo, sul lato di poppa del ponte di coperta. La sala operativa ha dato subito avvio alla macchina dei soccorsi, disponendo l’uscita della motovedetta Cp 819 della Guardia costiera, del rimorchiatore “Vigata”, che è dotato di manichette per spegnere l’incendio, e dell’imbarcazione adibita ai servizi di pilotaggio. 
In banchina sono intanto arrivate due autopattuglie della Capitaneria di porto e personale del gruppo ormeggiatori e della Guardia di finanza, mentre veniva richiesto l’immediato intervento di personale e mezzi dei vigili del fuoco e del servizio 118 per concorrere allo spegnimento dell’incendio e per le cure al marittimo ustionato.

Gli operatori sanitari del servizio 118 sono saliti a bordo per prestare assistenza alla persona ustionata, sbarcata con una barella e poi trasportata sull’ambulanza per il trasferimento al pronto soccorso. Alle 11,49 l’esercitazione è stata dichiarata conclusa. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre lo "Sportello di ascolto solidale": aiuterà anche le famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento