Cronaca Comitini

Incendiata la discarica sequestrata, qualcuno ha voluto fare "grandi pulizie"?

I militari dell’Arma, coordinati dalla Procura della Repubblica, si stanno occupando delle indagini per accertare cosa effettivamente abbia determinato la scintilla iniziale

Qualcuno ha voluto fare “grandi pulizie”? O le fiamme sono arrivate a causa di qualche incendio di sterpaglie limitrofo? Se lo chiedevano ieri i carabinieri della stazione di Comitini dopo che, all’ora di pranzo di lunedì, sono dovuti intervenire in contrada Occhio Bianco dove è andata a fuoco la discarica abusiva a cielo aperto che era stata sequestrata – dagli stessi militari dell’Arma – nel dicembre dello scorso anno.

Un immondezzaio - composto da rifiuti di vario genere, non pericolosi - che era rimasto a far bella mostra di sé. I carabinieri della stazione di Comitini, che sono coordinati dal comando compagnia di Canicattì, hanno chiamato subito i vigili del fuoco del comando provinciale di Agrigento e i pompieri hanno immediatamente circoscritto e vinto le fiamme. Adesso, i militari dell’Arma di Comitini, coordinati dalla Procura della Repubblica di Agrigento, si stanno occupando delle indagini per accertare cosa effettivamente abbia determinato la scintilla iniziale, quale sia stata insomma la causa dell’incendio. Causa che, ieri, veniva ritenuta ignota. Non si sono registrati danni, per fortuna. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incendiata la discarica sequestrata, qualcuno ha voluto fare "grandi pulizie"?

AgrigentoNotizie è in caricamento