Vandali scatenati incendiano il mastello: danni al portone di pensionati

I carabinieri hanno avviato le indagini per cercare di identificare i ragazzacci che hanno messo a segno il raid

Quel che è rimasto di un mastello bruciato (foto archivio)

Incendiano un mastello, che conteneva pannolini, e le fiamme aggrediscono e danneggiano anche il portone d’ingresso dell’abitazione di una coppia di pensionati ultra ottantenni. E’ accaduto alle 23,30 circa di lunedì, in via Musco a San Giovanni Gemini. Inizialmente era stato anche richiesto l’intervento dei vigili del fuoco del comando provinciale di Agrigento. Un “Sos” poi rientrato perché il rogo è stato domato con dei secchi d’acqua. In via Musco, per ore ed ore, hanno lavorato i carabinieri, coordinati dal comando compagnia di Cammarata.

Nessun dubbio sul dolo. Ma non è stato – e anche questo sembra essere certo – un gesto per intimidire o minacciare, quanto piuttosto un vero e proprio raid vandalico. Un raid che ha però creato paura, disagio e danni ai pensionati proprietari del mastello, utilizzato per la raccolta dei rifiuti, e dell’abitazione. Il contenitore di plastica era stato lasciato praticamente davanti al portone e la fiammata iniziale ha annerito il portone di ingresso e una parte del prospetto. I carabinieri hanno subito, già durante la notte, avviato le indagini per cercare di identificare i ragazzacci che hanno messo a segno il raid. Non è escluso che possa già avvenire nelle prossime ore. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la Sicilia diventa zona gialla, Musumeci: "Non è un liberi tutti"

  • Incidente sulla statale 115: scontro fra auto e furgone, morta una 59enne di Licata

  • Coronavirus e zona "gialla", ecco tutte le regole in vigore da domani

  • Coronavirus, 4 morti fra Campobello, Palma e San Biagio: tornano ad aumentare i contagi

  • Coronavirus, nuovo boom di contagi in provincia: ad Aragona muore ex sindaco, una vittima pure a S. Giovanni Gemini

  • Coronavirus, crescono i casi a Canicattì (+11), Ravanusa (+9), Campobello (+3), Racalmuto e Licata (+1): c'è anche un morto

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento