rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Cronaca Aragona

Inaugurato il museo diocesano di Aragona, uno "scrigno" di tesori tra arte e fede

Sono intervenuti il parroco don Angelo Chillura, il direttore del Mudia Agrigento, don Giuseppe Pontillo, la soprintendente ai Beni culturali, Gabriella Costantino, e l'arcivescovo Franco Montenegro

Aragona ha un nuovo "tesoro". È stato inaugurato ieri pomeriggio il museo diocesano all'interno della chiesa Madre dei Santissimi Tre Re. Sono esposti diversi beni artistici, tra cui una secentesca "Adorazione dei magi", attribuita allo Zoppo di Gangi.

All'inaugurazione sono intervenuti il parroco don Angelo Chillura, il direttore del Museo diocesano di Agrigento, don Giuseppe Pontillo, la soprintendente ai Beni culturali, Gabriella Costantino, e l'arcivescovo Franco Montenegro.

"Il nostro museo è un piccolo scrigno che custodisce alcuni dei beni artistici di questa comunità prodotti nel corso dei secoli - ha detto don Chillura nel corso dell'inaugurazione - . Noi dobbiamo essere attenti e vigili custodi per consegnarli alle generazioni future. Si tratta di espressioni di fede realizzati con grande gusto artistico. Quanto prima, grazie all’intervento della soprintendenza, verrà riaperto il museo della Cripta della chiesa del Rosario, un altro tassello che arricchisce la vita culturale della nostra città".

"Si tratta di un progetto del 2008, - ha spiegato la soprintendente Costantino - è un museo ricco di argenti e paraventi, che testimoniano la storia del piccolo centro di Aragona. Ci auguriamo che a questa crescita culturale e religiosa, possa corrisponderne anche una sociale ed economica".

Il direttore del Museo diocesano, don Pontillo, ha, invece, sottolineato che il museo di Aragona rientra in un progetto più ampio che è quello del Mudia, Museo diocesano diffuso agrieìgentino, che ha la sua sede principale nel palazzo arcivescovile di Agrigento e verrà, via via, integrato da altri musei parrocchiali come quello di Sambuca di Sicilia, Sciacca e Cammarata, "una rete che serve a dare visibilità alla dimensione della fede nel territorio", ha concluso don Pontillo.

Giorno 14 maggio, alle 18 e 30, l’inaugurazione del polo espositivo della chiesa Madre di Aragona: “Mudia”.

Alla giornata anche il cardinale Francesco Montenegro, arcivescovo di Agrigento, ma anche Carlo Vergmiglio assessore regionale, Gaetano Pennino dirigente regionale,  Gabriella Costantino della Soprintendenza, don Giuseppe Pontillo e don Angelo Chillura.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inaugurato il museo diocesano di Aragona, uno "scrigno" di tesori tra arte e fede

AgrigentoNotizie è in caricamento