menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Raffadali, in pagamento i rimborsi per la raccolta differenziata

I dati sono abbastanza incoraggianti: sono più di mille le famiglie raffadalesi che praticano sistematicamente la raccolta differenziata, ma occorre aumentare la percentuale di utenti che conferiscono nel Ccr

A poco più di due anni dalla sua inaugurazione, per il Centro comunale di raccolta differenziata di Raffadali si può senz'altro affermare che si tratta di una scommessa vinta. In circa 26 mesi di operatività, i raffadalesi hanno conferito diversi quintali di materiale riciclabile che ha consentito notevoli risparmi, sia all'ente, sia alle famiglie.

Proprio in questi giorni, il Comune ha reso noto che sono a disposizione e in distribuzione gli assegni con l'importo corrispondente, che ogni utente che ha conferito nel centro, ha maturato negli anno 2010 e 2011. Gli assegni nominativi, corrispondenti al titolare della card, sono in consegna presso l'ufficio tributi del comune. Chiunque, collegandosi al sito del Comune, inserendo il proprio codice fiscale, può controllare l'importo maturato in questi due anni. Si va da cifre di poche decine di euro, fino a qualche centinaia di euro per le famiglie più virtuose.

I dati sono abbastanza incoraggianti, infatti sono più di mille le famiglie raffadalesi che praticano sistematicamente la raccolta differenziata, ma occorre aumentare la percentuale di utenti che conferiscono nel Ccr.

"Come in tutte le cose - ci ha detto il sindaco Silvio Cuffaro - di fronte alle novità, all'inizio, c'è parecchio scetticismo, e così è stato anche per il nostro centro comunale di raccolta. Molti pensavano che non ne valesse la pena o che mai avrebbero visto rimborsati i soldi maturati. In questi giorni, invece, che molti hanno già incassato gli assegni, questo scetticismo è crollato e sono certo che nei prossimi mesi la raccolta differenziata avrà un incremento notevole, grazie al passaparola. Di certo non ci si arricchisce ma, a fronte di un piccolo sacrificio, vale la pena contribuire a rendere meno inquinato il posto in cui viviamo e al contempo recuperare qualche euro, che fa sempre comodo".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La provincia sempre più digitale, rilasciate 100 mila identità Spid

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento