In carcere per studiare la vita dei detenuti, ragazzi a "lezione" al Di Lorenzo

Gli alunni di due classi dell'istituto Sciascia hanno intrapreso un viaggio all’interno della struttura penitenziaria simulando il percorso del neo detenuto

Va in archivio il progetto che ha visto come protagonisti gli studenti dell'istituto tecnico Leonardo Sciascia, in particolare le classe terze dei corsi A ed E, i quali accompagnati dalle insegnanti Parisi e Galatioto, hanno visitato il carcere Di Lorenzo di Agrigento.

La visita, inserita nel progetto Legalità di cui è referente la docente Parisi, rappresenta il momento conclusivo di un percorso didattico che ha visto gli studenti riflettere sul valore educativo della pena ed affrontare il tema della colpa, la compensazione del danno subito dalle vittime e il reinserimento del condannato attraverso l’istruzione.

Una giornata, iniziata con l’incontro con il direttore del carcere Pappalardo, che ha spiegato la duplice finalità del carcere come luogo privativo della libertà e come luogo di reinserimento del detenuto .

Gli alunni hanno intrapreso un viaggio all’interno della struttura penitenziaria simulando il percorso del neo carcerato dal momento in cui è spogliato degli effetti personali a quello in cui assume il ruolo sociale di detenuto.

Momento cruciale  è stato l’incontro con un gruppo di detenuti che dentro la struttura seguono le lezioni  per conseguire un titolo di studio. 

Potrebbe interessarti

  • Il peperoncino: pro e contro

  • Metodi low cost e home made per pulire i tappeti

  • Come trasformare la propria abitazione in un B&B

  • Bidoni della spazzatura, i metodi per averli sempre puliti e igienizzati

I più letti della settimana

  • "Massacrata a pedate dallo zio", ragazza in gravi condizioni: arrestato 46enne

  • Scopre il tradimento del marito e per strada scoppia il parapiglia

  • "Un fucile a canne mozze in camera da letto", arrestato un insospettabile 25enne

  • "Mi ha tradito con Scamarcio", l'empedoclina Clizia: "E' una gogna mediatica"

  • Le dichiarazioni del pentito Quaranta: "Ecco il consiglio provinciale di Cosa Nostra"

  • Un milanese a Lampedusa, Fabio Gallarati: "Ho lasciato tutto ed ho scelto l'isola"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento