rotate-mobile
Cronaca

Escluso dai contributi per l'avvio dell'attività, impresa vince ricorso al Tar

La società era stata esclusa perché la domanda non era sottoscritta dal legale rappresentante

Il giudici del Tribunale amministrativo regionale per la Sicilia hanno accolto il ricorso presentato dal legale rappresentante di una società agrigentina per l'annullamento del provvedimento con il quale veniva approvato l'elenco delle operazioni non ammesse agli “aiuti alle imprese in fase di avviamento”, indetto dall'assessorato alle Attività produttive della Regione siciliana. L’Avviso, in particolare, prevedeva la realizzazione di progetti d’investimento con aiuti per favorire la nascita di piccole imprese. In particolare, l’assessorato regionale aveva escluso la società agrigentina poiché la domanda era stata “presentata e sottoscritta da un delegato e non dal legale rappresentante”.

Secondo la tesi difensiva proposta dall’avvocato Vincenzo Caponnetto, la firma era stata sottoscritta digitalmente da un soggetto in possesso di regolare procura speciale per la presentazione.

Il Tar ha così accolto la domanda cautelare ai fini dell’ammissione con riserva della stessa società alla procedura prevista condannando anche l’Amministrazione al pagamento delle spese. 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Escluso dai contributi per l'avvio dell'attività, impresa vince ricorso al Tar

AgrigentoNotizie è in caricamento