rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Cronaca Lampedusa e Linosa

Immigrazione, lettera di minacce al sindaco Martello: "Prima fai il tuo lavoro"

Il mittente, così come l'intestazione della busta che è stata spedita da un paese del Nord, è: "Prima i nostri". Il primo cittadino: "Il problema è che basta parlare o affrontare l'argomento immigrati e arrivano missive e insulti"

"Ong è una questione di ordine .. certo se lei la pensa così è triste. Dite che sono situazioni precarie e li vedi ridere, salutare come dei turisti e non stanno male ... lei faccia il suo lavoro". E' con queste parole, scritte di pugno, che è stata recapitata una lettera anonima di minacce al sindaco di Lampedusa e Linosa Totò Martello. Il mittente, così come l'intestazione della busta, è: "Prima i nostri". La missiva è stata recapitata ieri al Municipio. Nelle prossime ore Martello si recherà alla stazione dei carabinieri per formalizzare denuncia e consegnare la lettera. 

Caso Open Arms, il sindaco lancia l'hashtag: #IoSonoPescatore

"Il problema è che ormai basta che uno parla e affronta l'argomento immigrati, arrivano le minacce, le lettere, gli insulti". Lo ha dichiarato il sindaco di Lampedusa e Linosa, Salvatore Martello, commentando la missiva anonima di minacce che gli è stata recapitata - il mittente è "Prima i nostri" - in Comune. "Non l'ho letta tutta, primo perché mi fa schifo e secondo perché ci sono dei passaggi veramente incomprensibili - ha spiegato Martello - . Ma non è soltanto la lettera, anche su Messanger e su Facebook è un continuo. Appena parli di migranti, scoppiano le rappresaglie". La missiva, arrivata ieri, è stata spedita da un paese del Nord. Martello, nei giorni scorsi, indossando una maglietta con l'apposita scritta, aveva lanciato l'hashtag #IoSonoPescatore.

"La prima volta che sono salito su una barca mi hanno insegnato che ogni vita umana in pericolo va salvata. Perché il mare ha le sue regole, e vanno rispettate" - ha ricordato - .

La solidarietà dell'AnciSicilia 

"Esprimiamo la nostra solidarietà al sindaco di Lampedusa, Totò Martello, per le pesanti parole con toni di minaccia contenute nella lettera ricevuta ieri". Lo
dicono Leoluca Orlando e Mario Emanuele Alvano, presidente e segretario generale di AnciSicilia a proposito delle minacce subite dal sindaco di Lampedusa. "Siamo sicuri - continuano Orlando e Alvano - che il sindaco Martello continuerà a svolgere il proprio mandato con la consueta determinazione e il senso delle istituzioni che lo hanno sempre contraddistinto e sapendo di avere il massimo sostegno dall'Associazione dei comuni siciliani".  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Immigrazione, lettera di minacce al sindaco Martello: "Prima fai il tuo lavoro"

AgrigentoNotizie è in caricamento