menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immigrati trasportati su un barcone

Immigrati trasportati su un barcone

Immigrazione clandestina, un'assoluzione e una condanna per due presunti scafisti

Si è svolta l'ultima udienza del processo a carico di Dauda Sene, senegalese e Lamin Boiang, gambiano, entrambi difesi dall'avvocato Magda Lattuca

Un'assoluzione ed una condanna. Questa le sentenze dell'ultima udienza del processo a carico di due giovani presunti scafisti, che si è svolto ieri al davanti alla prima sezione collegiale penale del tribunale di Agrigento. 

Si tratta di Dauda Sene, senegalese e Lamin Boiang, gambiano, entrambi difesi dall'avvocato Magda Lattuca, accusati del reato di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina.

Per il senegalese, accusato di essere alla guida del natante, - fa sapere il legale in una nota - è stata accolta la tesi difensiva che invocava la scriminante dello stato di necessità. Il giovane è stato assolto da tutti i capi di imputazione: "sarebbe stato costretto dall'organizzazione criminale libica - riferisce l'avvocato - a mettersi al timone del gommone con oltre 100 persone a bordo".

Per l'altro imputato, invece, il collegio ha deciso la reclusione a due anni e sei mesi, ritenendolo colpevole. "Sono soddisfatta per l'assoluzione dell'imputato senegalese - ha dischiarato Lattuca - tuttavia ritengo che entrambi i ragazzi siano vittime dell'organizzazione criminale libica, mi riservo quindi di conoscere le motivazioni della sentenza per appellarla in riferimento alla posizione del giovane gambiano. Inoltre, mi riservo di presentare istanza di riparazione per ingiusta detenzione a favore del mio assistito oggi assolto".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre lo "Sportello di ascolto solidale": aiuterà anche le famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento