Immigrato non vuole farsi trasferire in carcere: due agenti finiscono al pronto soccorso

Il giovane era stato arrestato, un paio di giorni fa, quando, nella comunità d'accoglienza per minorenni, era andato in escandescenze e aveva minacciato l'educatrice

L'ingresso del pronto soccorso dell'ospedale "San Giovanni di Dio"

Un poliziotto della sezione "Volanti" e un agente della polizia penitenziaria sono finiti al pronto soccorso dell'ospedale "San Giovanni di Dio". Entrambi sono stati feriti dall'immigrato che stavano per trasferire al carcere di contrada Petrusa. Gli agenti hanno avuto diagnosticati, dai medici, ferite e traumi guaribili in circa 7 giorni. L'immigrato era stato arrestato, e non denunciato, un paio di giorni fa, quando, nella comunità d'accoglienza per immigrati minorenni di via Santa Sofia, era andato in escandescenze e aveva minacciato l'educatrice.

Minaccia l'educatrice, la Rx svela che è maggiorenne

Dopo l'udienza di convalida dell'arresto, i poliziotti della sezione "Volanti" hanno cercato di trasferire dalla caserma "Anghelone" di via Crispi al carcere il giovane extracomunitario - la cui maggiore età era stata accertata grazie agli esami radiografici - . L'immigrato si è però pesantemente scagliato contro gli agenti, sia della sezione "Volanti" della Questura, che della polizia penitenziaria. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Caso di meningite in un supermercato? Una "bufala" che sta terrorizzando

  • "Non so dove trovare i soldi presi ai clienti": 40enne minaccia il suicidio, salvato in extremis

  • "Cosa nostra" in Canada, il nuovo padrino è Leonardo Rizzuto

  • Mancata convalida dell'arresto di Carola Rackete, la Cassazione respinge il ricorso della Procura

  • "Proteggere i resti del tempio di Zeus alla base del porto", l'allarme corre sui social

  • "Sono caduta dalle scale": ferite non compatibili col racconto, avviate indagini

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento