Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Vigilia della festa dell'Immacolata, sulle tavole dei favaresi non possono mancare i "muffuletta"

Si tratta di semplici pani di grano duro aromatizzati con i semi di finocchio

 

La sera della vigilia dell’Immacolata, le case di Favara si profumano di anice. Tradizione vuole che la festa venga accolta dai “muffuletta”: semplici pani di grano duro aromatizzati con i semi di finocchio, in dialetto “cimulu dunci”. Non c’è certezza sulle origini di questo prodotto che, in diverse varianti, viene preparato in molte zone della Sicilia.

Pane, milza, ricotta e caciocavallo: in città si rinnova il rito delle focacce dell'Immacolata

Quello di Favara, è probabilmente la versione più povera, appena sfornato si condisce con olio extra vergine di oliva, sale e pepe e si gusta accompagnandolo con un buon bicchiere di vino rosso.  Un tempo, la preparazione dei “muffuletti” vedeva protagoniste le casalinghe che impastavano a mano il prodotto, attendevano la lievitazione e infornavano. Non in tutte le case però c’era un forno ed ecco quindi che l’impasto lievitato - che veniva identificato con un segno inciso su ciascun “muffuletto” - si affidava ai fornai. Dopo la cottura, le ceste piene di “muffuletti” caldi si riportavano a casa per consumarli in famiglia.

Riti dell'Immacolata, si rinnova la tradizione dei "pagliara" di Casteltermini 

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento