rotate-mobile
Mandorlo in fiore / Naro

Il festival internazionale del folclore chiude a Naro, parata e spettacolo in piazza

Il sindaco Maria Grazia Brandara: "È per noi non soltanto motivo di orgoglio ma anche un sentimento profondo di appartenenza ai valori della pace e della fratellanza tra i popoli di ogni parte del mondo"

Come da tradizione, il 65esimo festival internazionale del folclore si è concluso con l'ultima parata a Naro. 

Ad accogliere le delegazioni la sindaca, Maria Grazia Brandara: "Come a ogni Festa del Mandorlo in fiore – ha dichiarato -, Naro rivive la tradizione che ha dato origine alla manifestazione. È per noi non soltanto motivo di orgoglio ma anche un sentimento profondo di appartenenza ai valori della pace e della fratellanza tra i popoli di ogni parte del mondo. Per noi – ha concluso – è una festa molto sentita che anima le vie cittadine tra folklore e spettacolo".

Proprio a Naro riportano le origini della manifestazione. La prima Sagra del Mandorlo in Fiore si svolse negli anni '30 su iniziativa dal Conte Alfonso Gaetani, nella Val Paradiso, imbiancata dai mandorli in fiore. Eppure, la festa richiama il mito di Demetra e di Kore, sua figlia, rapita da Ade e portata negli Inferi, da cui poteva tornare sulla terra per un breve periodo dell’anno, durante il quale iniziava la primavera. Il risveglio della natura veniva celebrato, invero, già in età preellenica, in tutto il Mediterraneo. A partecipare alla parata di questa mattina nella “Fulgentissima”, svoltasi tra viale Umberto I e via Vittorio Emanuele, sono stati i gruppi folclorici della Georgia e Messico, mentre nel pomeriggio, alle 15,30, i performer della Romania si esibiranno con uno spettacolo in piazza Garibaldi, fatto di momenti di folclore e non solo.

Consuntivo positivo per il direttore organizzativo del 75° Mandorlo in fiore, Giovanni Di Maida: "Un’edizione straordinaria e imponente quella di quest’anno, la prima dopo 3 anni di stop dovuti al Covid. Trentacinque le nazioni che hanno partecipato, tantissimi cortei storici e gruppi regionali. Possiamo parlare di un’edizione veramente importante, testimoniata dal numero di visitatori provenienti da tutta la Sicilia e oltre, che la città di Agrigento ha accolto in questi giorni con eventi, spettacoli e le sfilate che si sono svolti durante la settimana”. Il Mandorlo in fiore è stato organizzato dal Comune di Agrigento, in collaborazione con il Parco archeologico della Valle dei Templi, il Distretto turistico Valle dei Templi e la Fondazione teatro Luigi Pirandello.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il festival internazionale del folclore chiude a Naro, parata e spettacolo in piazza

AgrigentoNotizie è in caricamento