menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
DiNoto

DiNoto

Il Comune consegna la sede alla consulta giovanile

Si tratta di un locale all'interno della sede distaccata di via Porta Agrigento

Avverrà oggi pomeriggio, alle 18, la cerimonia di consegna della sede della Consulta giovanile di Raffadali. Si tratta di un locale, ricavato nella sede distaccata del Comune di via Porta Agrigento, dove l’importante organismo consultivo, potrà finalmente agire e lavorare al meglio. Alla cerimonia saranno presenti il sindaco di Raffadali, Silvio Cuffaro, il presidente del consiglio comunale Gaspare La Porta, l’assessore alle politiche giovanili Nino Di Noto e il presidente della consulta giovanile Josè Galletto.

"La Consulta giovanile - ha spiegato l’assessore Di Noto - è uno strumento di partecipazione dei giovani alla vita civica del paese. È apolitica, laica, ed è contraria ad ogni forma di discriminazione e violenza. È un mezzo privilegiato per far sentire la propria voce, un'occasione per i giovani di entrare da protagonisti nei processi decisionali che li coinvolgono a livello locale. Tutti i membri della Consulta operano al suo interno ispirandosi ai principi del bene collettivo e non seguendo finalità specifiche personali o di gruppi di appartenenza. Per questi motivi – ha concluso l’assessore Nino Di Noto - la consegna della sede alla Consulta giovanile rappresenta un momento importante per tutta la città. Ed è anche un segnale rilevante che l’amministrazione comunale vuole dare ai giovani del nostro paese, per spronarli ad impegnarsi di più nella vita politica ed essere protagonisti del loro destino. Nella nuova sede i rappresentanti dei giovani raffadalesi potranno riunirsi e programmare le loro attività ed essere così da stimolo e supporto al consiglio comunale e alla giunta. Come amministratori attendiamo proposte e suggerimenti che contribuiscano a risolvere parte dei problemi che coinvolgono il mondo giovanile".


Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre lo "Sportello di ascolto solidale": aiuterà anche le famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento