Sempre più famiglie chiedono una casa popolare: è emergenza abitativa

Nei giorni scorsi incontro dei sindacati di categoria con il commissario dello Iacp: via a campagne contro la morosità e gli abusi

(foto ARCHIVIO)

Le situazioni di bisogno economico ad Agrigento crescono di numero e si manifestano ormai non più solamente con la necessità di reperire beni di prima necessità o risorse economiche per sostenere il costo di bollette e tasse, ma anche con l’impossibilità di far fronte al costo di un affitto.

E’ infatti in crescita la richiesta di alloggi popolari nel capoluogo, a fronte di un’offerta pari quasi a zero, dopo anni di disinteressamento sia da parte delle amministrazioni comunali e dello stesso Iacp, che ha però adesso invertito nettamente la rotta.

A lanciare l’allarme è stato il sindacato degli inquilini, il Sunia, rappresentato ad Agrigento da Floriana Bruccoleri che, nei giorni scorsi, ha partecipato con la rappresentante del Sicet, Roberta Russo, ad un tavolo tecnico voluto dal commissario dello Iacp Gioacchino Pontillo.

“Abbiamo creato un tavolo tecnico di controllo permanente che si riunisce periodicamente con tutti i soggetti istituzionali coinvolti – spiega Pontillo -. Nei giorni scorsi abbiamo rappresentato alle sigle sindacali quanto fatto in questi mesi con i sindaci e con loro abbiamo cercato di individuare un percorso per sostenere l’azione di lotta alla morosità che questo Istituto sta portando avanti dal mio insediamento e, contestualmente, riuscire a dare risposte agli utenti”.

“Abbiamo chiesto ai sindacati – spiega la direttrice generale Antonella Siragusa - soprattutto se vi fosse una nuova richiesta di alloggi e se il sindacato avesse elenchi di assegnatari che percepiscono il reddito di cittadinanza per utilizzare questo per ristorare i canoni di locazione. Abbiamo preso in carico le segnalazioni delle sigle sindacali e sarà nostro onere rappresentarle ai sindaci che stiamo incontrando e continueremo ad incontrare nelle prossime settimane, a partire da Agrigento, Favara e Porto Empedocle”.

“Ad oggi - spiega Bruccoleri – c’è un aumento significativo della richiesta di alloggi popolari soprattutto ad Agrigento. Ci sono tante persone che non sono più in condizione di sostenere il canone di un affitto o il pagamento di un mutuo e hanno bisogno di assistenza. Purtroppo riscontriamo come alcune tematiche si stiano iniziando ad affrontare solo con la nuova gestione dello Iacp nel complessivo silenzio e nel totale disinteresse della politica e di molte amministrazioni locali, che sono rimaste spesso sorde alle nostre richieste di incontro”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autovelox alla rotonda degli scrittori: raffica di multe, il telelaser incastra invece i più audaci

  • Neonato muore dopo 2 giorni dalla nascita, Procura apre un'inchiesta

  • Le rubano i documenti e non riesce a partire, l’appello di una madre: "Mia figlia è bloccata a Valencia"

  • Trovati i "pizzini" e il "libro mastro": i due fratelli applicavano tassi usurai che arrivavano al 120%

  • Beve detersivo e finisce in ospedale: trasferito a Catania, 73enne lotta fra la vita e la morte

  • Maxi truffa all'Inail, sequestro da 130mila euro nei confronto di un oleificio

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento