rotate-mobile
Martedì, 26 Settembre 2023
L’intervento / Lampedusa e Linosa

La gestione dell'hotspot passata alla Cri, la coop Badia Grande: "15 mesi difficili, non potevamo fare di più"

"La fine del nostro rapporto contrattuale non per inadempienze del gestore, ma per dare attuazione al provvedimento del Governo che, dichiarando lo stato di emergenza, ha attribuito poteri speciali al commissario nominato"

"Dopo 15 mesi si conclude la nostra esperienza all'hotspot di Lampedusa. Sulla base del capitolato e del contratto d’appalto avremmo dovuto gestire un centro con una capienza massima di 250 ospiti per un totale di ingressi, nell’arco di un anno, di 6.000 persone. A seguito del completamento dei lavori di ristrutturazione del centro, ci è stato chiesto di modificare il contratto di affidamento dei servizi di gestione adeguati a una struttura attrezzata per una capienza massima di 389 posti. Il numero di ospiti, ad eccezione di brevi periodi, è stato sempre, nei fatti, dieci volte maggiore, arrivando a picchi di quasi 4000 ospiti presenti". Lo scrivono dalla coop Badia Grande che dal primo giugno non si occupa più della struttura di primissima accoglienza per migranti. La gestione dell'hotspot, dopo che il contratto è stato interrotto per inadempimento, è passata infatti alla Croce Rossa italiana. 

Vecchia gestione hotspot gravemente carente, il prefetto: "Se ne occuperà la Croce Rossa"

"Dal primo marzo 2022, data di inizio della nostra gestione posta in essere con una telefonata della Prefettura di Agrigento con appena 5 ore di preavviso, ad oggi si è registrato un transito di oltre 80.000 immigrati. Numeri importanti e incontrovertibili che hanno, di recente, indotto il Governo a proclamare lo stato di emergenza sull'immigrazione e ad affidare la gestione della struttura alla Croce Rossa Italiana - hanno ricostruito dalla coop - . Badia Grande, in questi mesi, è stata accusata di incapacità nella gestione o, peggio, di volere speculare sulla vita dei migranti senza voler considerare che, nei fatti, ha dovuto affrontare con mezzi ordinari una situazione straordinaria, di assoluta e conclamata emergenza. I funzionari del ministero dell’Interno, nei giorni scorsi, hanno fornito una visione corretta e oggettiva dello stato delle cose sottolineando come non si possa 'giudicare l'operato di chi c'era prima, perché qualunque altro soggetto avrebbe vissuto e vivrebbe le stesse difficoltà che un'isola di piccole dimensioni presenta, ad iniziare dalla difficoltà di approvvigionamento del cibo'. Soprannumero di ospiti rispetto alle previsioni, permanenza per settimane a seguito dei ritardi nell’effettuare i trasferimenti dall’isola, assenza quasi totale di attività manutentiva degli immobili e degli impianti di proprietà demaniale, non di competenza del gestore dei servizi di accoglienza, assenza del necessario provvedimento autorizzativo (Scia) legato alle condizioni del complesso immobiliare demaniale sprovvisto di agibilità e difficoltà fisiologiche (numero di posti letto e di bagni insufficienti, difficoltà di approvvigionamento di cibo e acqua, problemi igienico sanitari derivati da uno stress nell’uso della struttura, inadeguatezza degli spazi destinati alla logistica ecc.) legate alla gestione di migliaia di persone in una struttura attrezzata per ospitarne 389, hanno reso questi 15 mesi particolarmente impegnativi e difficili. In queste condizione non si sarebbe potuto fare di più. Non potevamo riuscirci da soli, ma non ci siamo mai sottratti ai nostri doveri con sacrificio e rispetto del compito per il quale siamo stati chiamati ad operare - è stato scritto nel comunicato stampa diramato dalla coop - ed andando oltre agli obblighi contrattuali".

Già nell’ottobre 2022, Badia Grande aveva rappresentato alla Prefettura di Agrigento - viene ancora ricostruito - "l'impossibilità di proseguire nella gestione dell'hotspot a causa della sopraggiunta ed accertata eccessiva onerosità della commessa. Poche ore prima della scadenza naturale del contratto, il 28 febbraio scorso, la Prefettura di Agrigento ci ha comunicato di avere disposto una proroga fino al 31 agosto 2023 nelle more dell’espletamento di un nuovo affidamento annuale. Al nuovo bando di gara abbiamo ritenuto di non partecipare. Il provvedimento di proroga dimostra - commentano dalla coop - che nonostante le enormi difficoltà, Badia Grande ha sempre portato avanti con il massimo impegno possibile il proprio servizio grazie ai propri collaboratori e dipendenti che, tra mille sofferenze e disagi, hanno puntualmente eseguito i loro compiti. Con l'assunzione del servizio da parte della Croce Rossa, ha fine il nostro rapporto contrattuale non per inadempienze del gestore, ma - tengono a precisare - per dare attuazione al provvedimento del Governo che, dichiarando lo stato di emergenza, ha attribuito poteri speciali al commissario nominato". 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La gestione dell'hotspot passata alla Cri, la coop Badia Grande: "15 mesi difficili, non potevamo fare di più"

AgrigentoNotizie è in caricamento