rotate-mobile
Sabato, 22 Giugno 2024
Le dichiarazioni / Lampedusa e Linosa

Migranti, l'arcivescovo: "Affidare l'hotspot di Lampedusa a Croce Rossa o Protezione civile"

"Avrebbero mezzi, uomini e risorse per garantire un'efficienza migliore di questa struttura"

Affidare la gestione dell'hotspot di Lampedusa alla Protezione civile o alla Croce Rossa. A lanciare la proposta, parlando con l'Adnkronos, è l'arcivescovo di Agrigento monsignor Alessandro Damiano. "Lampedusa non può essere lasciata sola e bisogna impegnarsi di più perché i trasferimenti dei migranti siano veloci. L'hotspot dell'isola non può sostenere tutte queste persone, non può un centro per 350 persone accoglierne 1700" sottolinea l'arcivescovo che, vista la peculiarità dell'hotspot dell'isola, "posto su uno scoglio nel centro del Mediterraneo", propone di affidarne "la gestione a una struttura come la Protezione civile o la Croce Rossa, che hanno mezzi e strumenti diversi da quelli che può avere anche la migliore cooperativa". 

Migranti, Schifani: "Cambio di marcia, si mettono in salvo le persone fragili"

"L'Italia ha una Croce Rossa che è un fiore all'occhiello e una Protezione civile con grande qualificazione e che funziona egregiamente - aggiunge - perché non affidare a loro la gestione dell'hotspot? Avrebbero mezzi, uomini e risorse per garantire un'efficienza migliore di questa struttura".  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Migranti, l'arcivescovo: "Affidare l'hotspot di Lampedusa a Croce Rossa o Protezione civile"

AgrigentoNotizie è in caricamento