Hackerato profilo di influencer agrigentino, Edoardo Alaimo: "Mi hanno chiesto il riscatto"

Il 28enne agrigentino che vive a Roma gestiva un account Instagram business. Più di 50mila persone, ogni giorno, interagivano con lui

Edoardo Alaimo

Si chiama Edoardo Alaimo è agrigentino e di professione fa l’influencer. Da qualche giorno, il 28enne che vive a Roma, sta vivendo un incubo. Qualcuno, a sua insaputa, gli avrebbe hackerato il suo profilo Instagram. Un vero e proprio business account dove, Edoardo Alaimo, nel corso degli anni ha firmato accordi e contratti. Ciò che per qualcuno è semplice svago, per il 28enne, è un vero lavoro. Chi ha hackerato il profilo di Edoardo Alaimo avrebbe anche chiesto un riscatto per liberare l’account. Soldi che l’agrigentino non ha intenzione di dare.

“Instagram non sta tutelando la mia sicurezza. Il fatto è accaduto giovedì scorso. Mi sono recato alla polizia Postale, raccontando tutto. Io - dice Edoardo Alaimo ad AgrigentoNotizie - ho subito una vera estorsione. Queste persone volevano da me dei soldi. Io non posso mettermi nelle mani di gente così. Non ho ricevuto risposta da nessuno, neppure da Facebook. Diamo nelle mani informazioni preziose, senza che nessuno si occupi della nostra tutela. Io lavoro con i social media, il mio era un profilo lavorativo, è una situazione davvero surreale. Io sono stato contatto dall’hacker, questa persona voleva dei soldi da me. Avevo 50mila contatti, anni di lavoro svanito così. Nessuno ha protetto i miei dati”.

L’account business di Edoardo Alaimo contata migliaia di Follower e tanti brand pronti ad investire sul suo profilo. “Ho subito un danno economico, professionale e personale ed enorme.  In questi giorni inizierò a condividere i miei contenuti attraverso la mia pagina Facebook, il mio nome utente Edoardo Alaimo luxury”. L’agrigentino, che durante il lockdown ha tenuto diversi webinar, parla così: “Per me è un vero incubo, 10 anni di lavoro finiti in mano a degli hacker. Spero qualcuno possa aiutarmi”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la Sicilia diventa zona gialla, Musumeci: "Non è un liberi tutti"

  • Incidente sulla statale 115: scontro fra auto e furgone, morta una 59enne di Licata

  • Coronavirus e zona "gialla", ecco tutte le regole in vigore da domani

  • L'incubo deviazione è finito: dopo 2 anni e 2 mesi riapre la galleria Spinasanta

  • Coronavirus, 4 morti fra Campobello, Palma e San Biagio: tornano ad aumentare i contagi

  • Coronavirus, il bollettino dell'Asp: 88 nuovi positivi, 6 ricoverati e 2 vittime

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento